Dominare le pulsioni aggressive

da Riforma.it, il quotidiano on-line delle chiese evangeliche battiste, metodiste e valdesi in Italia.

Dio disse a Caino: «Se agisci bene, non rialzerai il volto? Ma se agisci male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi desideri sono rivolti contro di te; ma tu dominalo!».

Genesi 4, 7

Ricerca la giustizia, la pietà, la fede, l’amore, la costanza e la mansuetudine.

I Timoteo 6, 11

Non sappiamo per quale motivo Dio non gradisse l’offerta di Caino; la Bibbia non ce lo dice. Ma ci dice che egli bruciava per la rabbia e camminava con il capo abbassato, come chi rimugina un pensiero fisso, persistente, ed è carico di rancore; tanto che Dio gli dice che, se agirà bene, rialzerà il capo.

Dio quindi pone davanti a Caino due possibilità: agire bene, e allora potrà rialzare il capo, cioè essere di nuovo sereno, con la coscienza a posto e senza sensi di colpa; oppure lasciarsi dominare dal peccato. Perché il peccato è pronto a balzargli addosso e a dominarlo; come una bestia feroce che aspetta dietro la porta ed è pronta ad assalire la preda e a distruggere la vita della sua vittima. Insomma Dio dice a Caino che, se vuole, può dominare la sua pulsione aggressiva.

Tutto è dovuto alla rabbia di Caino: gelosia, invidia nei confronti del fratello, forse anche senso di ingiustizia per le preferenze di Dio.

Gelosia, invidia, e soprattutto senso della competizione dominano anche le nostre vite. Oggi più che mai, in una società dove bisogna per forza primeggiare, avere successo. Anche noi quindi potremmo lasciarci dominare dalla bestia feroce e lasciarci travolgere dalla rabbia, diventare aggressivi o addirittura cercare di schiacciare i nostri “competitori”; sul lavoro, in famiglia, persino nell’ambito delle attività della chiesa.

Allora, queste parole possono fare riflettere anche noi: se agiamo bene, possiamo andare a testa alta. Ma è necessario ricordarci sempre che la bestia – il peccato – sta in agguato dietro la porta, e che se ci lasciamo dominare dalle pulsioni aggressive che sentiamo dentro, saremo prede del peccato. Sta a noi non aprire la porta.

Francesca Sini

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...