Il percorso spirituale di un polacco verso l’Ortodossia. Intervista di Tudor Petcu a Mateusz Blicharz

Tudor Petcu ci propone un’intervista al prete ortodosso polacco Mateusz Blicharz (Матеуш Бличарц).

Prima di tutto, vorrei che parlasse un po ‘di Lei e della sua conversione all’Ortodossia, in modo che i nostri lettori scoprano la sua personalità.

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Mi chiamo fr. Матеуш Бличарц, sono un prete ortodosso dalla Polonia. Prima di diventare un sacerdote della Chiesa ortodossa per volontà di Dio, ero un membro della Vecchia chiesa cattolica. Da giovane, all’età di 18 anni, ero alla ricerca di prove forti e tangibili dell’esistenza di Dio. Sono il tipo di uomo a cui piace avere prove “nella sua mano” – un po ‘come Tommaso Apostolo, che aveva bisogno di “toccare tangibilmente Cristo” per accettare pienamente la risurrezione di Cristo. A causa della misericordia del Salvatore, ho ricevuto una prova molto tangibile – durante una preghiera privata prima della Santa Messa, stavo chiedendo a Dio per l’ultima volta un segno che mi stava ascoltando – e se è così, allora mi concedo interamente a lui – io sono solo suo. Mentre leggevo le parole del Vangelo, ho sentito parlare della chiamata dell’apostolo Matteo – che era un peccatore ma il Signore lo ha scelto. E questo lo ha seguito. È stata un’esperienza unica che è accaduta due volte nella mia vita. Quando stavo sperimentando seri dilemmi prima di unirmi alla Chiesa ortodossa e in me sorse il pensiero di lasciare il sacerdozio, ho pregato di nuovo fervidamente: Signore, dammi un segno. Cosa dovrei fare? Cristo rispose di nuovo: seguimi, Matteo.

Per quanto riguarda la mia conversione in ortodossia, la storia è molto semplice. Essendo un sacerdote nella vecchia chiesa cattolica nel rango di diacono, per motivi personali sono andato in Grecia – nell’antico monastero dei Santi Cipriano e Justyna a Fili vicino ad Atene. Lì ho sentito la voce della convocazione alla Chiesa ortodossa. La preghiera che mi ha accompagnato durante il mio soggiorno in Grecia – la preghiera di Gesù in greco – mi ha aperto il cuore all’Ortodossia. Due mesi dopo il mio soggiorno in Grecia, lasciai l’antica chiesa cattolica e mi avviai verso l’ortodossia. All’inizio, ero convinto di dover seguire il percorso degli antichi anti-ecumenisti della Chiesa cristiana veramente ortodossa dell’Hellas – che solo questo percorso mi avrebbe permesso di “entrare veramente nell’ortodossia”. Tuttavia, ero affascinato dalla figura di San John Maximovitch, vescovo di Shanghai e San Francisco, che pronunciò le famose parole:

nessuno lasci, mai e poi mai, convincerti che per essere ortodosso devi essere orientale. L’Occidente è stato ortodosso per mille anni e la sua venerabile liturgia è molto più antica di qualsiasi sua eresia.

Suma sumarum, per volontà di Dio, credo di essere stato ordinato sacerdote nella Chiesa ortodossa e ho iniziato a lavorare per il rito ortodosso occidentale.

Qual è il cambiamento più importante nella sua vita da quando è diventato ortodosso?

Pratica di preghiera. Ho sempre avuto problemi a pregare secondo modelli e formule. Mi ha scoraggiato nella Chiesa occidentale – l’ho trattato un po ‘come l’apprendimento di una poesia da un bambino che spesso non lo capisce affatto, ma dice alla poesia di impressionare gli altri. La Chiesa ortodossa, con la sua profonda tradizione di preghiera, che dà la possibilità di un tangibile senso del dialogo con Dio, ha cambiato la mia vita in larga misura.

Pensa che la Chiesa ortodossa possa essere considerata una specie di ospedale per le anime ferite?

Ovviamente! Guardando il mio esempio – ero convinto che non ci fosse alcun salvataggio per me, che sarei morto spiritualmente. Tuttavia, Cristo, attraverso la sua Santa Chiesa ortodossa, voleva salvarmi e farmi una barca per coloro che hanno bisogno di aiuto quando stanno annegando.

Descrive in ​​alcune parole come appare la vita ortodossa in Polonia.

La Chiesa ortodossa in Polonia è una chiesa di minoranza – ovviamente la fazione dominante dell’ortodossia polacca è la chiesa ortodossa autocefala polacca guidata dal metropolita Sawa. Si stima che ci siano circa 150.000 persone in Polonia. Questa vita religiosa è più attiva nella parte orientale del nostro paese, al confine con la Bielorussia e l’Ucraina. Nel resto del paese, sono gruppi piuttosto piccoli, diaspore, che vivono principalmente nelle loro parrocchie. Inoltre, c’è anche una diaspora della vera chiesa cristiana ortodossa degli Hellas in Polonia, e per quanto ne so, stanno andando abbastanza bene, anche se è un piccolo gruppo se li confronti con la chiesa ortodossa autocefala polacca.

Pensa che l’ortodossia occidentale possa prosperare in futuro in Polonia e, in tal caso, come?

Credo che il modello di comunità ecclesiale offerto dal rito ortodosso occidentale sia un modello che verrà adottato in Polonia. Il rito occidentale dell’ortodossia è il mezzo d’oro tra la Chiesa di Oriente e Occidente, preservando l’insegnamento e la liturgia della Chiesa primitiva e indivisa. Pongo particolare enfasi sull’identità religiosa – credo che l’unica possibilità per il futuro della comunità di rito ortodosso occidentale in Polonia sia quella di costruire un’identità religiosa tra coloro che sono interessati attraverso il catecumenato e la vita di comunità regolare sotto forma di liturgia comune, preghiera e conferenze di formazione.

Dato che Lei è un convertito all’Ortodossia, come può l’Ortodossia nella sua opinione diventare un modo di vivere? Non ultimo, quale sarebbe la sua testimonianza per gli individui eterodossi che intendono esplorare di più l’orizzonte ortodosso?

Prima di tutto, la preghiera deve diventare parte della tua vita. Se non preghi, ti sei perso! Devi perseverare nella preghiera ed è proprio questa preghiera che ti permetterà di trovare la bellezza spirituale nascosta nell’Ortodossia. Apparentemente nascosto perché la bellezza dell’ortodossia è a portata di mano. Possono essere scoperti attraverso la preghiera e infine – attraverso la conversione all’Ortodossia. Per coloro che cercano l’ortodossia nella loro vita spirituale, raccomando il libro, che è una tesi di dottorato di un eccezionale teologo, Paul Evdokimov – “Ortodossia” – è una bellissima introduzione alla spiritualità, teologia e dogmatica ortodossa. Se stai cercando di meno, chiamiamolo scientifico, e più … esperienze spirituali, allora il posto in cui dovresti iniziare la tua esplorazione dell’ortodossia è un meraviglioso libro chiamato “Pellegrini’s Tales”. Questa posizione ha avuto un impatto enorme sulla mia percezione della relazione Dio-uomo.

Quale sarebbe il suo argomento principale per dire che l’intera verità può essere trovata solo nella Chiesa ortodossa?

Dal 2020, la Chiesa ortodossa è stata la custode dell’ortodossia di fede e scienza. Questi sono fatti innegabili, soprattutto basati sulle decisioni dei Consigli generali, le cui disposizioni sono osservate dalla Chiesa ortodossa fino ad oggi! La Chiesa d’Occidente, dopo il suo scisma nel 1054, iniziò a predicare una disastrosa dottrina per le anime su questioni fondamentali eucaristiche, cambiando oltre 1.000 anni di insegnamento della Chiesa indivisa. L’Eucaristia è un alimento spirituale e fisico che fa miracoli tangibili: qualsiasi tentativo di cambiare la forma di interpretazione riguardo alla trasformazione è un’eresia dell’Occidente che è uno scandalo per le anime umane.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...