Il Pianeta che speriamo, docu di Tv2000 in occasione 49° Settimana sociale dei cattolici

In occasione della 49esima Settimana sociale dei cattolici italiani, Tv2000 con il documentario ‘Il pianeta che speriamo’ propone un viaggio alla scoperta delle esperienze italiane che hanno saputo coniugare ambiente, lavoro e futuro.

“Tutto è connesso”, ha ricordato Papa Francesco nella “Laudato si” e queste esperienze lo dimostrano. Si può fare impresa rispettando la dignità dei lavoratori, prevedendo percorsi di inclusione sociale, garantendo la sostenibilità ambientale, promuovendo processi innovativi, investendo sull’economia circolare.

C’è l’azienda che recupera gli elettrodomestici gettati via, li rigenera, li vende a prezzi calmierati e offre percorsi di reinserimento lavorativo alle persone in difficoltà. La cooperativa di pesca che ottiene dal mare il suo guadagno, senza depredarlo ma preoccupandosi di rispettarlo e di ripopolarlo. L’azienda di catering che conquista il mercato grazie alla forza delle donne che nel lavoro hanno trovato una ragione di riscatto. I giovani che riscoprono la bellezza del lavoro manuale, i segreti di un’arte antica e, con gli scarti di un’azienda produttrice di marmo, realizzano mosaici unici.

Dal Piemonte alla Calabria, dalla Lombardia al Lazio, dal Trentino alla Sicilia, tutte queste storie sono spesso storie collettive, costruite sulla cooperazione, innestate in un territorio, accompagnate da una comunità. Molte volte con il sostegno della Chiesa locale. Perché, non solo “tutto è connesso”, ma, davvero, “nessuno si salva da solo”.

Di Dario Quarta, Giorgio Brancia, Vito D’Ettorre e Elena Di Dio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...