Una dichiarazione sulla dottrina del “mondo russo” (Russkii mir)

Un gruppo di teologi ortodossi di tutto il mondo ha pubblicato la seguente dichiarazione (la traduzione è dei teologi cattolici Fabrizio Bosin e Gianluca Montaldi), nella quale, sostanzialmente, si condanna come eretica la variante kyrilliana del cosiddetto filetismo, una dottrina sul rapporto tra fede ortodossa e appartenenza etnica e nazionale.

L’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio 2022 è una minaccia storica per un popolo di tradizione cristiana ortodossa. Ancora più preoccupante per i credenti ortodossi, l’alta gerarchia della Chiesa ortodossa russa ha rifiutato di riconoscere questa invasione, rilasciando invece vaghe dichiarazioni sulla necessità della pace alla luce degli “eventi” e delle “ostilità” in Ucraina, mentre sottolineava la natura fraterna dei popoli ucraino e russo come parte della “Santa Rus'”, dando la colpa delle ostilità al malvagio “Occidente”, e persino indirizzando le loro comunità a pregare in modi che incoraggiano attivamente l’ostilità.

Il sostegno di molti della gerarchia del Patriarcato di Mosca alla guerra del presidente Vladimir Putin contro l’Ucraina è radicato in una forma di fondamentalismo religioso ortodosso etno-filosofico, di carattere totalitario, chiamato Russkii mir o il mondo russo, un falso insegnamento che sta attirando molti nella Chiesa ortodossa ed è stato anche ripreso dall’estrema destra e dai fondamentalisti cattolici e protestanti.

I discorsi del presidente Vladimir Putin e del patriarca Kirill (Gundiaev) di Mosca (Patriarcato di Mosca) hanno ripetutamente invocato e sviluppato l’ideologia mondiale russa negli ultimi 20 anni. Nel 2014, quando la Russia ha annesso la Crimea e ha iniziato una guerra per procura nella zona del Donbas in Ucraina, fino all’inizio della guerra vera e propria contro l’Ucraina e dopo, Putin e il patriarca Kirill hanno usato l’ideologia mondiale russa come principale giustificazione per l’invasione. L’insegnamento afferma che esiste una sfera o civiltà russa transnazionale, chiamata Santa Russia o Santa Rus’, che comprende la Russia, l’Ucraina e la Bielorussia (e talvolta la Moldavia e il Kazakistan), così come i russi etnici e i russofoni di tutto il mondo. Essa sostiene che questo “mondo russo” ha un centro politico comune (Mosca), un centro spirituale comune (Kiev come “madre di tutte le Rus'”), una lingua comune (il russo), una chiesa comune (la Chiesa ortodossa russa, il Patriarcato di Mosca), e un patriarca comune (il Patriarca di Mosca), che lavora in ‘sinfonia’ con un presidente/leader nazionale comune (Putin) per governare questo mondo russo, oltre a sostenere una spiritualità, una morale e una cultura comuni distinte.

Contro questo “mondo russo” (così dice l’insegnamento) si erge l’Occidente corrotto, guidato dagli Stati Uniti e dalle nazioni dell’Europa occidentale, che ha capitolato al “liberalismo”, alla “globalizzazione”, alla “cristianofobia”, ai “diritti omosessuali” promossi nelle parate gay, e al “secolarismo militante”. Contro l’Occidente e gli ortodossi che sono caduti nello scisma e nell’errore (come il Patriarca Ecumenico Bartolomeo e altre chiese ortodosse locali che lo sostengono) si erge il Patriarcato di Mosca, insieme a Vladimir Putin, come i veri difensori dell’insegnamento ortodosso, che vedono in termini di moralità tradizionale, una comprensione rigorosa e inflessibile della tradizione, e la venerazione della Santa Russia.

Dall’intronizzazione del Patriarca Kirill nel 2009, le figure di spicco del Patriarcato di Mosca, così come i portavoce dello Stato russo, hanno continuamente attinto a questi principi per vanificare le basi teologiche dell’unità ortodossa. Il principio dell’organizzazione etnica della Chiesa è stato condannato al Concilio di Costantinopoli nel 1872. Il falso insegnamento dell’etnofilia è la base dell’ideologia del “mondo russo”. Se riteniamo validi tali falsi principi, allora la Chiesa ortodossa cessa di essere la Chiesa del Vangelo di Gesù Cristo, degli Apostoli, del Credo niceno-costantinopolitano, dei Concili ecumenici e dei Padri della Chiesa. L’unità diventa intrinsecamente impossibile.

Pertanto, rifiutiamo l’eresia del “mondo russo” e le azioni vergognose del governo della Russia nello scatenare la guerra contro l’Ucraina che scaturisce da questo vile e indifendibile insegnamento con la connivenza della Chiesa ortodossa russa, come profondamente non-ortodossa, non cristiana e contro l’umanità, che è chiamata ad essere “giustificata… illuminata… e lavata nel Nome di nostro Signore Gesù Cristo e dallo Spirito di Dio” (Rito del Battesimo). Come la Russia ha invaso l’Ucraina, così il Patriarcato di Mosca del Patriarca Kirill ha invaso la Chiesa ortodossa, per esempio in Africa, causando divisioni e conflitti, con innumerevoli vittime non solo nel corpo ma anche nell’anima, mettendo in pericolo la salvezza dei fedeli.

Di fronte all’insegnamento del “mondo russo” che sta devastando e dividendo la Chiesa, siamo ispirati dal Vangelo di Nostro Signore Gesù Cristo e dalla Santa Tradizione del Suo Corpo Vivente, la Chiesa Ortodossa, a proclamare e confessare le seguenti verità:

1. “Il mio regno non è di questo mondo. Se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servi combatterebbero, affinché io non sia consegnato ai Giudei; ma ora il mio regno non è di qui”. (Giovanni 18:36).

Noi affermiamo che lo scopo e il compimento divinamente designato della storia, il suo telos, è la venuta del Regno di nostro Signore Gesù Cristo, un Regno di giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo, un Regno attestato dalla Sacra Scrittura come autorevolmente interpretato dai Padri. Questo è il Regno a cui partecipiamo attraverso un assaggio in ogni Santa Liturgia: “Benedetto il regno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, ora e sempre e nei secoli dei secoli!” (Divina Liturgia). Questo regno è l’unico fondamento e autorità per gli ortodossi, anzi per tutti i cristiani. Non c’è altra fonte di rivelazione, nessuna base per la comunità, la società, lo stato, la legge, l’identità personale e l’insegnamento, per l’Ortodossia come Corpo del Cristo Vivente, se non quella che è rivelata in, da e mediante nostro Signore Gesù Cristo e lo Spirito di Dio.

Pertanto condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento che cerchi di sostituire il Regno di Dio visto dai profeti, proclamato e inaugurato da Cristo, insegnato dagli apostoli, ricevuto come saggezza dalla Chiesa, esposto come dogma dai Padri, e sperimentato in ogni Santa Liturgia, con un regno di questo mondo, sia esso la Santa Rus’, la Sacra Bisanzio, o qualsiasi altro regno terreno, usurpando così l’autorità di Cristo stesso di consegnare il Regno a Dio Padre (1 Corinzi 15: 24), e negando il potere di Dio di asciugare ogni lacrima da ogni occhio (Apocalisse 21:4). Condanniamo fermamente ogni forma di teologia che nega che i cristiani sono migranti e rifugiati in questo mondo (Ebrei 13:14), cioè il fatto che “la nostra cittadinanza è nei cieli, ed è da lì che aspettiamo un Salvatore, il Signore Gesù Cristo” (Filippesi 3:20) e che i cristiani “risiedono nei loro rispettivi paesi, ma solo come dimoranti. Partecipano a tutto come cittadini e sopportano tutto come stranieri. Ogni terra straniera è la loro casa, e ogni casa una terra straniera” (Lettera a Diogneto, 5).

2. “Rendete dunque a Cesare le cose che sono di Cesare e a Dio le cose che sono di Dio”. (Matteo 22:21).

Affermiamo che in previsione del trionfo finale del Regno di Dio riconosciamo l’unica e ultima autorità di nostro Signore Gesù Cristo. In quest’epoca, i governanti terreni provvedono alla pace, in modo che il popolo di Dio possa vivere “una vita calma e ordinata, in tutta pietà e santità” (Divina Liturgia). Tuttavia, non c’è nazione, stato o ordine della vita umana che possa avanzare una pretesa più alta su di noi di Gesù Cristo, al cui nome “ogni ginocchio si pieghi, in cielo, in terra e sotto terra” (Filippesi 2:10).

Perciò condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo ogni insegnamento che subordinerebbe il Regno di Dio, manifestato nell’Unica Santa Chiesa di Dio, a qualsiasi regno di questo mondo che cerca altri signori ecclesiastici o secolari che possano giustificarci e redimerci. Respingiamo fermamente tutte le forme di governo che deificano lo stato (teocrazia) e assorbono la Chiesa, privandola della sua libertà di stare profeticamente contro ogni ingiustizia. Rimproveriamo anche tutti coloro che affermano il cesaropapismo, sostituendo la loro obbedienza finale al Signore crocifisso e risorto con quella di qualsiasi leader investito di poteri di governo e che pretende di essere l’unto di Dio, sia esso conosciuto con il titolo di “Cesare”, “Imperatore”, “Zar” o “Presidente”.

3. “Non c’è più giudeo né greco, non c’è più schiavo né libero, non c’è più maschio e femmina; perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù”. (Galati 3:28).

Affermiamo che la divisione dell’umanità in gruppi basati sulla razza, la religione, la lingua, l’etnia o qualsiasi altra caratteristica secondaria dell’esistenza umana è una caratteristica di questo mondo imperfetto e peccaminoso, che, seguendo la tradizione patristica sono caratterizzate come “distinzioni della carne” (San Gregorio di Nazianzo, Orazione 7, 23). L’affermazione della superiorità di un gruppo sugli altri è un male caratteristico di tali divisioni, che sono completamente contrarie al Vangelo, dove tutti sono uno e uguali in Cristo, tutti devono rispondere a lui delle loro azioni, e tutti hanno accesso al suo amore e al suo perdono, non come membri di particolari gruppi sociali o etnici, ma come persone create e nate ugualmente a immagine e somiglianza di Dio (Genesi 1,26).

Pertanto condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento che attribuisca istituzione o autorità divina, sacralità o purezza speciale a qualsiasi singola identità locale, nazionale o etnica, o caratterizzi qualsiasi cultura particolare come speciale o divinamente ordinata, sia essa greca, rumena, russa, ucraina o qualsiasi altra.

4. “Avete udito che fu detto: “Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico”. Ma io vi dico: Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, perché siate figli del Padre vostro che è nei cieli.” (Matteo 5:43-45).

Seguendo il comandamento di nostro Signore, affermiamo che, come dichiara San Silouan l’Athonita, “La grazia di Dio non è nell’uomo che non ama i suoi nemici”, e che non possiamo conoscere la pace finché non amiamo i nostri nemici. Come tale, il fare la guerra è l’ultimo fallimento della legge dell’amore di Cristo.

Pertanto condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento che incoraggi la divisione, la sfiducia, l’odio e la violenza tra i popoli, le religioni, le confessioni, le nazioni o gli stati. Inoltre condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento che demonizza o incoraggia la demonizzazione di coloro che lo stato o la società considera “altri”, compresi gli stranieri, i dissidenti politici e religiosi e altre minoranze sociali stigmatizzate. Rifiutiamo qualsiasi divisione manichea e gnostica che elevi una santa cultura orientale ortodossa e i suoi popoli ortodossi al di sopra di un “Occidente” svilito e immorale. È particolarmente malvagio condannare altre nazioni attraverso speciali petizioni liturgiche della Chiesa, elevando i membri della Chiesa ortodossa e le sue culture come spiritualmente santificati in confronto agli “eterodossi” carnali e secolari.

5. “Andate e imparate cosa significa questo: “Io desidero la misericordia e non il sacrificio”. Perché io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori””. (Matteo 9:13; cfr. Osea 6:6 e Isaia 1:11-17).

Affermiamo che Cristo ci chiama ad esercitare la carità personale e comunitaria verso i poveri, gli affamati, i senza tetto, i rifugiati, i migranti, i malati e i sofferenti, e a cercare la giustizia per i perseguitati, gli afflitti e i bisognosi. Se rifiutiamo la chiamata del nostro prossimo; se invece picchiamo e derubiamo, e lasciamo il nostro prossimo a soffrire e morire ai margini della strada (Parabola del Buon Samaritano, Luca 10:25-37), allora non siamo nell’amore di Cristo sulla via del Regno di Dio, ma ci siamo fatti nemici di Cristo e della sua Chiesa. Siamo chiamati a non limitarci a pregare per la pace, ma ad alzarci attivamente e profeticamente per condannare l’ingiustizia, per fare la pace anche a costo della nostra vita. “Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio”. (Matteo 5:9). Offrire il sacrificio della liturgia e della preghiera mentre si rifiuta di agire in modo sacrificale costituisce un sacrificio di condanna in contrasto con ciò che viene offerto in Cristo (Matteo 5:22-26 e 1 Corinzi 11:27-32).

Perciò condanniamo come non ortodossa e rifiutiamo qualsiasi promozione del “quietismo” spirituale tra i fedeli e il clero della Chiesa, dal più alto Patriarca fino al più umile laico. Rimproveriamo coloro che pregano per la pace mentre non riescono a fare attivamente la pace, sia per paura che per mancanza di fede.

6. “Se continuate nella mia parola, siete veramente miei discepoli; e conoscerete la verità, e la verità vi farà liberi”. (Giovanni 8:31-32).

Affermiamo che Gesù chiama i suoi discepoli non solo a conoscere la verità, ma a dire la verità: “La vostra parola sia ‘Sì, Sì’ o ‘No, No’; qualsiasi cosa più di questa viene dal maligno.” (Matteo 5:37). Un’invasione su larga scala di un paese vicino da parte della seconda potenza militare del mondo non è solo una “operazione militare speciale”, “eventi” o “conflitto” o qualsiasi altro eufemismo scelto per negare la realtà della situazione. Si tratta, piuttosto, di un’invasione militare su larga scala che ha già provocato numerosi morti civili e militari, lo sconvolgimento violento della vita di oltre quarantaquattro milioni di persone, lo sfollamento e l’esilio di oltre due milioni di persone (al 13 marzo 2022). Questa verità deve essere detta, per quanto dolorosa possa essere.

Perciò condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento o azione che rifiuta di dire la verità, o sopprime attivamente la verità sui mali che vengono perpetrati contro il Vangelo di Cristo in Ucraina. Condanniamo totalmente ogni discorso di “guerra fratricida”, “ripetizione del peccato di Caino, che uccise il proprio fratello per invidia” se non riconosce esplicitamente l’intento omicida e la colpevolezza di una parte sull’altra (Apocalisse 3:15-16).

Dichiariamo che le verità che abbiamo affermato e gli errori che abbiamo condannato come non ortodossi e respinto sono fondati sul Vangelo di Gesù Cristo e sulla Santa Tradizione della fede cristiana ortodossa. Chiamiamo tutti coloro che accettano questa dichiarazione ad essere consapevoli di questi principi teologici nelle loro decisioni nella politica della chiesa. Preghiamo tutti coloro che questa dichiarazione riguarda di ritornare “all’unità dello Spirito nel vincolo della pace” (Efesini 4:3).

13 marzo 2022 – Domenica dell’Ortodossia

Firmata (al momento della pubblicazione) da 531 teologi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...