7 ragioni legittime per cui così tanti bambini sono annoiati dalla chiesa

da Ortodossiatorino.net, il sito della parrocchia ortodossa del Patriarcato di Mosca a Torino dedicata a San Massimo.

Dopo un articolo di Natasha Crain sul tema della noia dei bambini di fronte ai discorsi religiosi, vi presentiamo in traduzione italiana altre considerazioni della stessa autrice sul perché i bambini possono annoiarsi in chiesa o alla scuola domenicale, e su cosa possono fare genitori e adulti a riguardo.

Domenica scorsa, la nostra chiesa aveva la sua funzione multilingue annuale, con tre congregazioni – di lingua cinese mandarina, di lingua spagnola e di lingua inglese – tutte riunite per il culto. Abbiamo avuto letture in più lingue e c’è stato un sermone in spagnolo con traduzione inglese. Questa settimana non c’era la scuola domenicale, quindi i bambini si sono uniti agli adulti in chiesa.

Quando domenica mattina abbiamo informato i nostri figli di cosa sarebbe successo, c’è stato un “NOOOOOOOOOOOO” collettivo e appassionato (onestamente, avrei dovuto digitare più “O” per riflettere il vero livello di protesta).

“PER FAVORE, restiamo a casa! Possiamo essere chiesa a casa! Per favore, non quella funzione! È così noiosa!”

Apparentemente, ricordavano bene la funzione dell’anno precedente. Li abbiamo trascinati in macchina nonostante i lamenti e abbiamo resistito fino in fondo.

Mentirei se dicessi che è un evento raro che i miei figli non vogliano andare in chiesa. La natura di questa funzione, forse, li ha fatti lamentare a voce più alta del normale, ma ci sono molte domeniche tipiche in cui i nostri bambini chiedono: “Ma dobbiamo proprio andare?” Sono pronta a scommettere molti soldi che anche a voi dicono le stesse cose.

La domanda su cosa fare quando i bambini non vogliono andare in chiesa è una delle domande più frequenti che ho ricevuto nel corso degli anni dai lettori, ed è una delle domande più comunemente discusse in vari forum di genitori cristiani, come il mio gruppo di genitori cristiani su Facebook.

Il tema corrente delle lamentele dei bambini è di solito che la chiesa è noiosa e che non vogliono andarci. I genitori tendono a presumere che sia compito loro convincere i loro figli che la chiesa non è noiosa e sono alla ricerca di modi per farlo.

Ma questa è una pessima ipotesi.

Penso che in realtà ci siano alcune ragioni legittime per cui così tanti bambini sono annoiati dalla chiesa e/o dalla scuola domenicale. In altre parole, i bambini non sempre inventano scuse casuali per non andare; molte volte, il loro rifiuto riflette un vero problema.

Ecco alcune ragioni “legittime” per la noia in chiesa che i genitori dovrebbero considerare.

1. C’è troppa enfasi sul divertimento alla scuola domenicale.

Questo probabilmente suona controintuitivo. Dopotutto, se la scuola domenicale è molto divertente, allora i bambini dovrebbero volerci andare, giusto? No, no e no. Ora, se la scuola domenicale fosse davvero una specie di esperienza incredibile simile a un parco dei divertimenti, potrebbe essere così (e i bambini sceglierebbero di andarci per le ragioni sbagliate). Ma il “divertimento” della scuola domenicale di solito consiste in forme d’intrattenimento relativamente miti, come laboratori creativi, partite a calcetto o giochi di società.

Questo tipo di “divertimento” non può mai competere con l’idea del divertimento dei vostri figli a casa, dove possono fare tutto ciò che vogliono.

Ovviamente vorranno restare a casa; il divertimento in chiesa è noioso rispetto al divertimento domestico. Quando un programma scolastico domenicale si concentra sull’intrattenimento, si espone al confronto naturale tra i divertimenti che un bambino vuole seguire. Chi può biasimarli?

Se la maggior parte di ciò che i vostri figli traggono dalla chiesa è che c’è una piccola lezione con molto svago sociale, farete fatica a convincerli che la “chiesa” non è noiosa (quando la “chiesa” si indentifica con l’intrattenimento della la scuola domenicale nella loro mente).

2. La chiesa “adulta” va oltre la loro comprensione attuale.

I genitori a volte cercano di aggirare la mancanza di sostanza riscontrata in molti programmi di scuola domenicale tenendo i loro figli con sé nella chiesa “adulta” ogni settimana. Questo può funzionare davvero bene per alcuni bambini. Mia figlia di 11 anni ha recentemente rinunciato alla scuola domenicale per venire con noi alla funzione degli adulti perché è in grado di seguirla e dice che lì impara molto più che nella classe. Quando mia figlia di 9 anni ha visto che sua sorella stava facendo così, ha voluto venire anche lei. Ma quando lo ha fatto, ha trascorso la maggior parte della funzione con la testa sulla mia spalla cercando di dormire – semplicemente non ha ancora l’interesse o l’attenzione di mia figlia maggiore. Quando mi ha detto dopo la chiesa che quel giorno era stato noioso, le ho risposto: “Certo che lo è stato! Hai scelto di dormire!”

Per i bambini come mia figlia maggiore, che vogliono frequentare la chiesa degli adulti al posto della scuola domenicale, questa può essere un’ottima scelta. Ma per quelli come la mia figlia più giovane che non sono pronti a seguire ciò che viene insegnato e invece passano il tempo a scarabocchiare in un bollettino parrocchiale o a sognare a occhi aperti, il risultato inevitabile sarà la noia. Ciò non significa necessariamente che la scuola domenicale dei bambini sarà vista come meno noiosa, ma piuttosto che la chiesa degli adulti non è sempre la risposta.

3. La loro famiglia frequenta la chiesa sporadicamente.

Ogni pastore che conosco lamenta il fatto che le famiglie frequentino la chiesa con meno regolarità rispetto al passato, per tutti i tipi di motivi (una grande ragione sono gli sport della domenica mattina). Un partecipante “normale” è ora qualcuno che partecipa una volta al mese.

So che questo toccherà alcune persone nel modo sbagliato, ma è importante dirlo: una chiesa potrebbe avere il miglior programma scolastico domenicale al mondo, ma se una famiglia frequenta solo sporadicamente, è naturale che un bambino troverà quel programma noioso— non sono realmente collegati a ciò che sta accadendo o a ciò che viene insegnato. Non puoi incolpare un bambino per essersi messo in pista a quel punto.

4 . Nella loro famiglia, la fede è soprattutto una questione di andare in chiesa alla domenica.

Anche se la vostra famiglia va in chiesa ogni settimana, se non pregate regolarmente insieme, non studiate la Bibbia insieme e non tenete conversazioni sulla fede a casa, i vostri figli si chiederanno giustamente perché dovrebbero preoccuparsi di andare in chiesa. La Chiesa sarà vista come solo un’altra cosa che devono fare ogni settimana, senza alcun legame significativo con la loro vita quotidiana. In altre parole, diventerà un inutile fardello di tempo nella loro mente perché è irrilevante nel resto della settimana.

5. Partecipano regolarmente a conversazioni profonde sulla fede a casa.

Ecco un altro punto controintuitivo, ma l’ho visto accadere in molte famiglie molto impegnate nella loro fede. Se la vostra famiglia ha costantemente conversazioni profonde sulla fede (del tipo di cui scrivo nei miei libri, Come mantenere i vostri figli dalla parte di Dio e Come parlare di Dio con i vostri figli), con ogni probabilità i vostri figli stanno sviluppando una fede molto più intellettualmente solida di quanto non ottengano dalla media della scuola domenicale – e la scuola domenicale sembrerà estremamente noiosa a confronto. Un segnale rivelatore che questo è il problema è quando i vostri figli si lamentano che ” non stanno imparando nulla” o che “sentono ancora e ancora le stesse storie”.

Sebbene i genitori spesso presumano che ci sia una sorta di problema nello sviluppo spirituale dei loro figli quando non vogliono frequentare la scuola domenicale, in questo caso può significare il contrario: i bambini possono semplicemente avere aspettative molto più alte di ciò che dovrebbe essere discusso in un ambiente scolastico domenicale ed essere annoiati dal seicentesimo racconto dell’arca di Noè seguito da popcorn.

6. Hanno dubbi su Dio o sulla verità del cristianesimo.

Dovrebbe essere ovvio, ma io sono sorpresa da quanti genitori non considerano mai questa possibilità: se i bambini hanno smesso di credere in Dio o nella verità del cristianesimo, troveranno la chiesa noiosa.

Immaginate per un momento di dover frequentare una chiesa (o un altro gruppo) con cui non siete d’accordo ogni singola settimana e qualcuno si aspetta che voi siate interessati. Questi studiano un libro che voi ritenete finzione, ma lo applicano come verità nella loro vita e pensano che anche voi dovreste farlo. È probabile che lo troverete noioso perché non credete a quello che fanno. Perché studiare un libro di fantasia così profondamente ogni settimana?

Allo stesso modo, i bambini che non credono più in Gesù si stancheranno di sentir parlare di lui ogni domenica. Non rientra nello scopo di questo post valutare i vantaggi e gli svantaggi di far frequentare la chiesa a questi bambini, ma qui ci sono due punti da considerare:

Se i vostri figli trovano noiosa la chiesa e/o litigano con voi sull’andare in chiesa, parlate con loro di ciò in cui credono attualmente riguardo a Dio, a Gesù e alla Bibbia. Potreste essere sorpresi da ciò che apprenderete.

Se scoprite che la loro noia in chiesa è radicata nell’incredulità, la vostra maggiore preoccupazione (di gran lunga) dovrebbe essere quella di discutere i loro dubbi e di avere conversazioni sulle prove della verità del cristianesimo.

7. Sono esseri umani.

Durante il tragitto verso la chiesa per la funzione che ho descritto all’inizio di questo post, mi sono rivolta ai bambini sul retro della macchina e ho detto: “Ehi ragazzi, ho qualcosa di sorprendente da dirvi”. Si sono zittiti e io ho continuato.

“Non va neanche a me di andare in chiesa oggi. Non mi piace molto questa particolare funzione. Preferirei essere a casa questa mattina”.

Mi hanno guardato con gli occhi spalancati, aspettando che potessimo tornare a casa.

“Ma ci vado comunque. Vedete, come esseri umani, è spesso più facile e molto allettante rimanere a casa e non andare in chiesa la domenica mattina. È una sensazione del tutto normale e anche gli adulti ce l’hanno a volte. Ma noi consideriamo prioritario andarci, nonostante queste sensazioni occasionali, per diversi motivi: 1) È un modo di mettere Dio al primo posto nella nostra vita (impegnandoci in chiesa ogni domenica mattina); 2) La Chiesa non riguarda solo l’apprendimento, ma anche il culto, e il culto trasforma il nostro rapporto con Dio; e 3) È importante sviluppare relazioni con altri credenti ed essere in comunità (Ebrei 10:25). Stamattina non vado in chiesa perché non riesco a pensare a nient’altro che mi piacerebbe fare, ma piuttosto perché amo il Signore e questo è un modo in cui l’ho messo al primo posto”.

In altre parole, ho spiegato loro perché la loro noia non dovrebbe essere il fattore decisivo per frequentare o non frequentare la chiesa.

Non ho provato a convincerli che non avrebbero mai dovuto pensare che la chiesa fosse noiosa.

Questa è una distinzione fondamentale perché i bambini capiscano, perché, come spero di aver mostrato in questo post, ci sono molte ragioni legittime per cui i bambini a volte possono trovare la chiesa noiosa. Quando capiscono che la chiesa è importante anche quando la trovano noiosa, questo può portare a conversazioni molto più produttive rispetto al semplice fatto di scontrarsi con i genitori ogni domenica mattina.

* * *

Ristampato con il permesso di Natasha Crain. Natasha è una conferenziera, autrice e blogger appassionata nel dotare i genitori cristiani di mezzi per far crescere i loro figli con una comprensione di come sostenere e difendere la loro fede in un mondo sempre più secolare. È autrice di due libri di apologetica per i genitori: Talking with Your Kids about God (2017) e Keeping Your Children on God’s Side (2016). Natasha ha una laurea presso l’UCLA e un certificato di apologetica cristiana presso l’Università di Biola. Ex dirigente di marketing e professore aggiunto, vive nel sud della California con suo marito e tre figli. Scrive su www.natashacrain.com.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...