L’uomo e Dio. Un testo di Macrina Grigore

Tudor Petcu ci invia un testo di Macrina Grigore, una brillante studentessa presso il Liceo Little London International Academy in Romania.

Era una giornata soffocante, soffocante… come se il sole avesse fatto un sacro giuramento ai mortali. Il campo era rossastro, sanguinante, e il grano di seta era solennemente sollevato come pesanti aghi. Anche il cielo era di piombo caldo…

Ionita rifletteva mentre osservava il raccolto. Era così ricca e così amichevole! Non poteva credere che tutto il grano che era spuntato gli fosse uscito di mano… la mano di un peccatore! Poi Ionita ebbe un pensiero bizzarro…

Se il peccatore crea, allora può essere il Creatore peccaminoso? Rise forte di questa mancanza che si era insinuata nella sua povera mente di contadino. Non era affatto vero! La piaga del mais è la seguente:

Quando compaiono i germogli di mais e i chicchi dorati, una bellezza muta, gli abitanti del villaggio e i lavoratori delle terre vicine vengono a congratularsi con Ioniță, non solo con lui …

-Nea Ionita! Mitica, la sorella di Maria, gridava felice. Che Dio ti benedica presto! Perché è solo Sua volontà che il grano esca orgoglioso e sano! Ci ha donato la virtù di vivere e vedere la meraviglia della bambola! È un miracolo, non sentite! Dio, abbiamo ancora molti giorni per vedere il raccolto! E perdona a noi peccatori! aggiunge alla fine del tizio, a bocca aperta.

Ioniță insisteva che quello che aveva sentito era un’immagine, un sogno portato dagli Immondi e dal caldo del giorno… Per ora, Ioniță esitò un sentimento… Una rabbia inesplicabile! Ma come poteva dirlo?

Dio, infatti, ha dotato lui, il peccatore, di una vita (ecco, senza la quale il grano non germogliava) e delle sue due mani precipitose. Ma Dio è l’unico che merita la lode degli abitanti del villaggio? Dio sentiva la paura del caldo e la paura della povera terra? Pensava all’unico destino del mais? Ha lavorato giorno e notte sulla terra? Il sudore ha bruciato anche lui?

I pensieri lo stritolano, gli tolgono il respiro e i suoi sentimenti. La rabbia divenne presto disperazione e paura… un amaro apprezzamento.

I giorni passavano da Ionita. Lavorava giorni irrequieti, non mangiava, digiunava. Le sue unghie erano melanzane, come un tramonto forzato. I suoi occhi si chinarono fuori dall’orbita, incapaci di trovare la strada per la sua cupa miniera… Ma la terra era più fertile e fertile. L’occupazione era come un bizzarro baratto. La forza e la diligenza del contadino sembravano essere nel terreno e Ioniță … fu mangiato dagli scarafaggi dell’anima.

Una notte, lavorando duramente a terra, Ionita si sentì cadere. Il grano lo circondava e sembrava così alto… Sembrava un’entità, qualcosa che Ioniță aveva creato ed era al di là della sua comprensione e comprensione. Poi una Luce si precipitò su di lui. Gli cadde sulla fronte e gli parve la luce fredda e corroborante. Ionita si accorse finalmente che non riusciva a sentire il suolo… lo distingueva da mille! Più tardi, la Luce sembrò svanire e accanto alla Luce, anche Ioniță svanì. Il povero contadino divenne la terra. Dopo il suo passaggio celeste, Ionita fissò impotente il raccolto e pensò amaramente:

Se tutti avessero un raccolto e i peccatori fossero i soli a macinarlo, allora il raccolto non ci sarebbe più. Se fossi fermo ringrazierei proprio il Signore che il mondo non è governato da un peccatore… perché quando Dio crea, tutto diventa giusto.

Macrina Grigore

Traduzione in italiano di Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...