Le sfide culturali e letterarie del postmodernismo. Intervista alla poetessa Silvana Andrada Tcacenco di Tudor Petcu

Il dott. Tudor Petcu ci invia un’intervista a una poetessa rumena, Silvana Andrada Tcacenco, che volentieri pubblichiamo.

La condizione letteraria rumena è sempre stata, almeno dal mio punto di vista, una delle caratteristiche più importanti della nostra formazione letteraria. In effetti, direi uno dei tratti distintivi del background culturale rumeno, che, secondo la teoria modernista di Eugen Lovinescu, ha dovuto prendere in prestito alcuni elementi dalle culture occidentali per acquisire una propria specificità. In effetti, nella letteratura rumena, specialmente nella poesia, troviamo una serie di motivi letterari del romanticismo tedesco, dell’opera di Baudelaire o delle ansie creative di Rimbaud. Partendo da queste citate realtà storico-culturali, come definirebbe la specificità letteraria rumena facendo riferimento agli stili letterari occidentali?

Partirei da ciò che l’ambiente, in cui sono cresciuta e mi sono evoluta, mi ha posto un po’ nell’altro piatto dell’essere, una sorta di realismo fattuale nel controbilanciare un idealismo spirituale. La mia formazione tedesca mi ha costruito con delle vere inclinazioni verso una sorta di analisi sintetica del mondo, un mondo che sazio attimo per attimo con sazietà e stupore, come un dono pieno.

Così sono giunta alla convinzione che ogni destino artistico, sia esso letterario, plastico, musicale, non può reprimere la sua vocazione, a prescindere dai vincoli della propria esistenza o da quelli della società in cui vive.

Allo stesso tempo, sarebbe preferibile che questa realtà continuasse a livello individuale, attraverso una scelta consapevole basata sull’educazione, l’empatia, la buona fede, il pubblico di destinazione, il lettore desiderabile, che può crescere ed evolversi con l’autore.

Tornando alla mia passione per la statistica, dico da anni che abbiamo la grande occasione di analizzare 2000 anni di cultura nella storia del creato e partendo dal presupposto che la natura umana non è mutevole, per estrapolare per il futuro, il presupposto di il presente. Oggi abbiamo informazioni complete su ciò che l’umanità ha scelto di preservare, con un accesso estremamente facile a tutte queste bellezze.

D’altra parte, consapevolmente o inconsapevolmente, il lettore informato e quello sconsiderato devono avere uguali diritti, e così come gli universi sociali non possono essere utilmente mescolati, sarebbe preferibile non avere nemmeno quelli culturali.

Quindi, tornando alla poesia, è ovvio che il romanticismo rumeno è riuscito a raggiungere e a mantenersi, attraverso i creatori, nell’anima di molte generazioni e difficilmente possiamo valutare se la sua promozione, il suo valore o la sua pura bellezza abbiano contribuito al suo famoso successo.

Il fatto che ci sia apparso in seguito non darei la colpa alla mancanza di preparazione culturale del popolo o del creatore, quanto piuttosto una lacuna, palese anche oggi, nel caso del nostro riferimento ai valori del mondo.

Eravamo all’avanguardia e non solo nella scienza, eravamo nella scultura, nella musica, nell’arte popolare, siamo e possiamo ancora diventare. Il problema sono delle istituzioni che hanno il compito di rilevare il bene del male, della brutta bellezza dell’arte corruttibile del pieno, tarda a compiere la sua missione.

Il postmodernismo si è imposto nel panorama culturale rumeno anche come una sorta di obbligo culturale per quest’ultimo di essere connesso alle nuove esigenze del pensiero occidentale. Almeno la letteratura rumena è stata nuovamente costretta a impossessarsi di alcuni elementi chiave estranei, la conseguenza è stata la formazione di una sorta di forte postmodernismo ancora radicato in valori pittoreschi, persino ancestrali. La domanda sarebbe: pensa che il postmodernismo nella letteratura rumena debba essere percepito come un esercizio fallito o come una perfezione identitario-culturale? E, ultimo ma non meno importante, come capisce il postmodernismo rumeno?

Devo ammettere che dopo il surrealismo credo che il grande scisma sia avvenuto nella cultura universale, sotto l’influenza di esponenti di correnti precedenti, e mi riferisco qui soprattutto al dadaismo, che troverei ancora attenuanti nei fattori psicologici indotti dal prima conflagrazione mondiale. Ma non importa quanto cerco di essere obiettiva, la mia natura non mi permette di risuonare di più con il livello di informazione con molte delle correnti successive.

Credo sinceramente che qualsiasi cultura sia un diagramma di una realtà e si evolva nella direzione dell’evoluzione o dell’involuzione sociale. Non possiamo negare la realtà in alcun modo, ma cosa faremo quando diventa così cupa da voler tornare alla vibrazione della vita e non trovare via d’uscita?

Quanto agli esponenti del postmodernismo rumeno, anche qui c’è stato un buon umore, alcuni dei quali ci sono contemporanei. Tuttavia, sceglierei sempre di leggere Magda Isanoș a scapito del surrealismo oltraggioso ma potenziato del momento.

Non giudicherei nemmeno in questo caso il creatore, la tentazione dell’associazione, il desiderio di stupire sono nella natura umana, e nella nostra natura nativa c’è purtroppo anche questa tentazione xenocentrica di idealizzare l’esterno dello spazio rumeno. Ma ogni volta mi stupisco che solo chi ha amato il proprio Paese, pur rimanendone deluso, non si rende conto della realtà di rimanere nella coscienza nazionale.

Tuttavia, la critica più fedele resta il tempo e nel breve periodo già passato, molti hanno perso la coscienza nazionale, quindi ritengo che non sia stato un esperimento riuscito almeno e solo a livello di rappresentatività.

Se dovessi definire il postmodernismo, dovrei trattare la mia realtà e il mio desiderio geometricamente, come piani totalmente separati, in cui senza spazio si proiettano dei triangoli a volte ottusi tra istituzioni, creatore e lettore e che purtroppo ritengo rimangano a volte solo dei punti estranei .

La letteratura rumena contemporanea richiede uno studio speciale, soprattutto in termini di soluzioni stilistiche che utilizza. Personalmente tendo a credere che in un certo senso si possa tracciare un certo parallelo tra il dadaismo di Tristan Tzara e la condizione letteraria rumena contemporanea, per la mescolanza stilistica che utilizza. Pertanto, qual è il suo punto di vista come poeta sulla stilistica rumena contemporanea e a quali scrittori farebbe riferimento per supportare il suo punto di vista?

Dobbiamo definire fin dall’inizio cosa intendiamo per letteratura rumena contemporanea. Qui ci sono due dimensioni che vivono in tempi e mondi completamente strappati l’uno dall’altro. La cosiddetta letteratura elitaria consolidata, è circolata a livello informativo nei circoli culturali rumeni e la cultura parallela si è sviluppata spesso solo a livello locale ma che è molto più pienamente rappresentata. Non è viziato da costumi o dogmi, è caratterizzato da libertà ed entusiasmo, in assenza di un rogo, come si addice alla creazione.

Ci sono molte persone di cultura, completamente ignorate dalle istituzioni che si occupano di promozione della cultura e che avrebbero molto da dire sul futuro. Sono persone con visione, con spirito, dotate di talento e un dono di dedizione.

Noto inoltre che questa letteratura parallela è caratterizzata da una totale libertà in termini di soluzioni stilistiche e non sono in grado di giudicare per quanto tempo, a mia volta, mi concedo libertà metriche e stilistiche. Ma la maggior parte di loro sono scrittori che combinano il classicismo romantico con il simbolismo e forse ti sorprenderà, ma ai nostri tempi ci sono ancora così tanti amanti di gloss, pantum, rondel. Trovo così interessante seguire, al ritmo di altri tempi, i sentimenti della modernità. Questo è anche il motivo per cui, nonostante io ami i versi liberi, mi ritrovo molto più spesso nella canzone in rima. La realtà è che la bellezza coltivata in buona fede si ritrova in tutti gli stili delle correnti del tempo. L’esempio più perfetto è la musica e l’evoluzione degli stili musicali. Sembra, però, che anche qui, purtroppo, abbia già raggiunto il suo apice.

Parlando di Tzara, forse abbiamo tutti piantato un seme di negazione delle norme della vita artistica o personale, l’importante è in che germogli finiamo.

Temo che l’elenco degli scrittori contemporanei sia così lungo che sbaglierei molti dei miei colleghi oratori se ne scegliessi solo alcuni. Ma posso assicurarvi che sono voci sia liriche che epiche degne di nota e che anche se il presente non parla, il futuro non le ignorerà.

In passato, specialmente nella prima metà del XX secolo, l’aspetto mistico e religioso ha giocato un ruolo speciale nella letteratura rumena. Pensiamo, ad esempio, a scrittori come Vasile Voiculescu o Gala Galaction, per i quali sentimenti e passioni mistiche sono stati alla base delle creazioni letterarie che hanno lasciato in eredità. Pensa che la letteratura rumena contemporanea debba tornare ai valori cristiani nel senso di estetizzazione e spirito di ingegno stilistico? Può questo contribuire a un’evoluzione della condizione letteraria contemporanea in Romania?

L’arte è apparsa innanzitutto per glorificare la grandezza del creatore. La poesia stessa era originariamente un inno alla gratitudine. Rompere la cultura del divino non porterà alcun tipo di beneficio all’umanità anche se nel frattempo sono stati glorificati i mortali, siano essi geni o solo sfortunati portatori di alcuni agenti patogeni. Gli ultimi tempi, in cui a volte mi sento un’estranea, stanno cambiando violentemente. Sinceramente non credo che potremo fare qualcosa di concreto nel senso di cambiare la realtà, invece, nel senso di non arrendersi, sta a ogni singola coscienza decidere.

La fede pura ha sempre costruito un uomo diverso dall’ateo, personalmente non capisco il mio scopo al di fuori di Dio ma come ho detto prima, il tempo costruisce, demolisce e fa risiedere le persone, dovremmo semplicemente lasciare che sia.

Per quanto riguarda il miglioramento della condizione letteraria, nessuna imposizione, di qualsiasi natura, può recare alcun beneficio. Resta a tutti scrivere a Dio o all’uomo e sperare che si riducano a rimanere gli operai del Creatore, rispettivamente i costruttori del proprio museo mortale, l’uomo contemporaneo.

Vi chiederei di dirmi qual è lo status che la condizione letteraria contemporanea in Romania occupa in un contesto internazionale dal suo punto di vista e se potesse sedere al tavolo delle grandi culture occidentali contemporanee. Si consideri, ad esempio, l’opera del poeta francese Gabriel Arnou-Laujeac o l’opera di Michel Houellebeq. Pensa che tali scrittori occidentali contemporanei abbiano un equivalente nella letteratura rumena oggi?

Sinceramente e senza falsa modestia nazionale credo che abbiamo già esponenti con opere almeno altrettanto rappresentative di quelle dei due autori da Lei citati la reale identificazione dei valori letterari riassumendo le loro ricerche negli ambienti di conoscenti o influencer con alcuni superiorità superflua e così poco alta come esperienza. Mi chiedo spesso, quale può essere lo scopo di promuovere una corrente surrealista radicale vicina all’anormalità, in ambienti visibili e rappresentativi almeno e solo a livello amministrativo?

Tuttavia, per definire la normalità, dovremmo tornare alla discussione precedente sulla moralità dei valori e sui valori della moralità. Sono qui nell’assenso di Michel Houllebeq sul fatto che stiamo assistendo all’urgente necessità di cambiare l’uomo, non necessariamente l’uomo genetico ma l’uomo rappresentativo.

Ho avuto la possibilità di partecipare ad eventi culturali dell’élite culturale italiana contemporanea, in quell’occasione ho incontrato persone dedite al destino di preservare la bellezza. L’ho detto e lo ripeto, non credo che siamo qui per cambiare il mondo ma abbiamo il dovere di renderlo più bello e se abbiamo l’opportunità non abbiamo scuse quando falliamo. Inoltre, dobbiamo difendere la bellezza del nostro mondo e portarla nelle nostre anime fino a quando non lasceremo questo mondo, quando i prossimi lo porteranno avanti. Credo e vivo nell’incanto di questa fiaccola, della staffetta in questa maratona dell’essere sublime.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...