«Invidia». Una poesia di Alexandru Jibleanu

Tudor Petcu ci ha inviato un testo poetico di Alexandru Jibleanu, studente nella decima classe presso il Liceo Little London International Academy, Romania.

Vedere le persone felici tutto il tempo, mi rende geloso,
 
Il mio cuore batte di meno, mi rende un po’ sbadato,
 
Riguardo a cose che stanno succedendo, vedere l’amore sui social e merda,
 
Mentre il mio cuore inizia a preoccuparsi, anche se non voglio preoccuparmene un po ‘,

Bruciando nelle mie emozioni, sentendo solo rabbia e molta più invidia,
 
Pensavo di trovare il vero amore fino a diciannove o vent’anni,
 
Guardando le persone che stanno con altre persone, sorridendo molto,
 
Poi ci sono io, solo a un tavolo a godermi il mio nuovo pranzo,
 
Un po’ di vedere se ci arriverò, tenendo qualcuno tra le mani,
 
Cucinare per qualcuno, tenerlo in braccio o anche solo pensare a qualche progetto,
 
Attaccarsi velocemente, farsi davvero male da loro dopo,
 
Mentre mi vedono solo a un tavolo, morendo di risate,
 
Scrivere tutte le mie emozioni ha smesso di funzionare, quando è arrivato l’amore,
 
Rivoglio il “senza cuore Alex”, ma avrei davvero voluto che sopravvivesse,
 
”Dimmi come stai?”, ”Dimmi come stai”,”Come stai?”
 
Sono solo un po ‘giù, triste, non vado in qualche bar per ragazze,
 
Sai, sono al di sotto delle aspettative di ogni ragazza, al di sotto dei limiti,
 
Invece mi prendo un po’ del mio tempo, da dedicare ai loro minuti,
 
Non sanno tutte le cose meschine che dicono che fa, sai che fa male?
 
Mentre provi a staccarti da loro, ti tirano di nuovo e iniziano a flirtare,
 
Inizio a pensare che questa cosa dell'”amore” sia davvero qualcosa che non fa per me,
 
Non lo so, è qualcosa che solo io non posso effettivamente vedere,
 
Chiudendo gli occhi, rilassandomi sul letto mentre comincio a cadere in un abisso infinito,
 
Cadendo attraverso i miei ricordi, i miei problemi, pensando a chi potrei perdermi,
 
Pensando ai miei genitori, mio ​​padre, mia madre, anche la mia sorellina,
 
Pensando a tutte le mie ex, anche alla mia nuova cotta, mi mancherà?,
 
Vedendo solo l’oscurità mentre il freddo intorno a me mi abbracciava forte,
 
Non ho mai ricevuto un abbraccio da qualcun altro, questo sembra davvero a posto,
 
Abbraccio la sensazione di nessuno intorno, di essere per sempre solo,
 
Almeno il mio cuore e la mia anima sono ancora qui, il fatto è che ho solo rotto un osso.

Alexandru Jibleanu

Traduzione in italiano a cura di Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...