Dal Dio senza nome – da “Predigten, Traktate, Sprüche” di Meister Eckhart

Tudor Pectu ci presenta la sua traduzione di alcuni pensieri in riferimento al Dio senza nome presenti in un libro molto noto di Meister Eckhart, “Predikten, Traktate, Sprüche”. Eckhart von Hochheim, meglio conosciuto come Meister Eckhart (Tambach-Dietharz o Hochheim, 1260 – Colonia o Avignone, 1327/1328), è stato un teologo e religioso tedesco. È stato uno dei più importanti teologi, filosofi e mistici renani del Medioevo cristiano, e ha segnato profondamente la storia del pensiero tedesco. La teologia di Eckhart si basava sul principio dei una unione mistica dell’anima con Dio, tesi che gli procurò accuse di panteismo. Scrivendo in tedesco oltre che in latino, Eckhart esercitò una profonda influenza sulla crescita della lingua tedesca. Gli idealisti tedeschi lo considerarono un precursore, mentre gli studiosi contemporanei hanno individuato la sua influenza sul protestantesimo e l’esistenzialismo, svelando persino analogie con il buddhismo Zen.

Dal Dio senza nome

[54] Nostro Signore disse: “Donna, verrà il momento ed è ora che i veri adoratori adorano il Padre spiritualmente e sinceramente, e il Padre cerca tale”.

Ora presta attenzione alla prima parola, in cui parla: “Verrà il tempo ed è già adesso”. Chiunque voglia adorare il Padre lì deve immergersi nell’eternità con il suo desiderio e con la sua fiducia. C’è una parte superiore dell’anima che si erge al di sopra del tempo e non sa nulla del tempo o del corpo. Tutto ciò che è mai accaduto mille anni fa, il giorno che è stato mille anni fa non è più nell’eternità di quest’ora in cui sono ora, e il giorno che verrà dopo mille anni o per quanto puoi contare, nell’eternità non è oltre l’ora in cui sono ora.

Ora dice: “Pregano il padre”. [54] Oh, quanti sono coloro che adorano la creatura e si prendono cura di essa, e sono persone sciocche. Non appena adori Dio per il bene della creatura, chiedi il tuo danno, perché non appena la creatura è una creatura porta amarezza, danno, male e avversità. Ed è per questo che è giusto per le persone che soffrono di avversità e amarezza. Perché? Te la sei cercata.

Tutte le cose nel tempo hanno un perché. Come quello che ha chiesto a una persona: “Perché stai mangiando?” “In modo che io abbia la forza.” “Perché stai dormendo?” “Per lo stesso motivo.” E così sono tutte le cose che sono in tempo. Ma chi ha chiesto a una brava persona: “Perché ami Dio?” “Non lo so, per l’amor di Dio.” “Perché ami la verità?” “Per la verità.” “Perché ami la giustizia?” “Giustizia.” “Perché ami il bene?” “Per l’amor del cielo.” “Perché vivi?” “Davvero, non lo so! Mi piace vivere”.

I maestri affermano che l’anima ha due facce, e la faccia superiore guarda sempre a Dio, e la faccia inferiore guarda un po ‘verso il basso e questo dice ai sensi, e la faccia superiore è la parte superiore dell’anima, che si trova nell’eternità e non ha nulla a che fare con il tempo e non sa nulla del tempo e del corpo. E a volte ho detto che c’è qualcosa nascosto in esso come un’origine di tutto il bene e come una luce splendente che brilla sempre e come un fuoco ardente che brucia sempre [e il fuoco non è altro che lo Spirito Santo].

I maestri affermano che due forze fluiscono dalla parte superiore dell’anima. Uno si chiama volontà, l’altro motivo e la perfezione delle forze risiede nella forza suprema, che si chiama ragione. Non può mai riposare. Non vuole Dio come lui è lo Spirito Santo e come lui è il figlio, e fugge il figlio. Né lei vuole Dio come lui è Dio. Perché? Lì ha dei nomi, e se ci fossero un migliaio di dei, lei sta aprendo nuove strade, lo vuole dove non ha nomi: lei vuole qualcosa di più nobile, qualcosa di meglio di Dio, come lui ha i nomi. Cosa vuole? Lei non lo sa: lo vuole come lui è un padre. Lei vuole che, come lui è una ragione, venga dalla bontà; lei vuole che fluisca per gentilezza perché è un nucleo; lei lo vuole come lui è una radice, una vena in cui sorge la gentilezza, e lì è solo un padre. Ora nostro Signore dice: “Nessuno riconosce il padre come il figlio, e il figlio non conosce nessuno come il padre”. In verità, se vogliamo conoscere il padre, dobbiamo essere figlio. Una volta ho detto tre parolacce, che potresti prendere come tre cattive spezie che devi bere. Innanzitutto, se vogliamo essere un figlio, dobbiamo avere un padre. Perché la vita del figlio dipende dal padre, e la vita del padre dipende dal figlio, e quindi nessuno può dire: io sono un figlio se non ha un padre, e l’uomo è davvero un figlio che fa tutto il suo lavoro per amore . – La seconda cosa che rende l’uomo principalmente un figlio è l’equanimità. Se è malato, gli piace essere malato, sano, sano e malato. Se un amico muore nel nome di Dio; un occhio è messo fuori nel nome di Dio. – La terza cosa che un figlio dovrebbe avere è che non si rivolge a nient’altro che al padre. Oh, quanto è nobile il potere che sta lì nel tempo e che sta lì senza spazio! Perché con il fatto che sta sopra il tempo, ha tutto il tempo in sé ed è sempre, e non importa quanto poco qualcuno ha ciò che è al di sopra del tempo, diventerebbe presto ricco perché ciò che è oltre il mare , la forza non è oltre ciò che è presente ora [57]. E ne parla “Il padre lo sta cercando”.

Vedi, Dio ci accarezza, Dio ci supplica e Dio non può aspettare fino a quando l’anima si è adornata e si arrabbia con la creatura, ed è una verità sicura e necessaria che Dio è così bisognoso di noi sembra che tutta la sua divinità dipendesse da essa, come nel caso. E Dio può fare a meno di noi il meno possibile, e se fosse possibile che potessimo allontanarci da Dio, Dio non potrebbe mai allontanarsi da noi. Dico che non voglio chiedere a Dio di darmi, non voglio lodarlo per quello che mi ha dato, ma voglio chiedergli di rendermi degno di ricevere e voglio lodarlo per essere la natura e l’essenza deve dare. Chiunque volesse portargli via Dio, prese la sua natura e la sua vita. Il fatto che stiamo veramente diventando un figlio ci aiuta con la verità di cui ho parlato. Amen. [58]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...