Dialogo sulla teologia del bambino. Intervista di Tudor Petcu a Keith J. White

Riceviamo e pubblichiamo l’intervista a cura di Tudor Petcu a Keith J. White sul tema della teologia del bambino. Il dottor Keith J. White è a capo di Mill Grove, una comunità cristiana residenziale che si prende cura dei bambini nell’East End di Londra dal 1899. È il fondatore e presidente del Child Theology Movement e un amministratore del Frontier Youth Trust. È tutor presso lo Spurgeon’s College di Londra dal 1978 ed è membro della facoltà dell’Asia Graduate School of Theology. Tra i libri che ha scritto o curato ci sono A Place for Us, A His Image, Caring for Deprived Children, Children and Social Exclusion, The Changing Face of Child Care, The Art of Faith, The Growth of Love, Reflections on Living with Children (Vols. I e II), In the Meantime, Now and Next, Entry Point and The NIrV Bible [Narrative and Illustrated].

All’inizio del nostro dialogo vorrei, ovviamente con il suo permesso, parlare del significato della Teologia del bambino. Cosa significa veramente Teologia del bambino e come dovremmo comprenderla da un punto di vista spirituale?

Quanto al “punto di vista spirituale”: penso che troverei più facile considerarlo da una prospettiva teologica. Ha influenzato la mia relazione con Dio in Cristo e il mio viaggio spirituale. Ma non credo di poter parlare per nessun altro, e quindi la mia esperienza potrebbe essere completamente diversa da quella degli altri.  

Si può parlare di Teologia del bambino anche come progetto sociale? Un progetto che può portare tanti benefici a chi non riesce a capire se stesso e il proprio posto in questo mondo? In caso affermativo, quali sono le ragioni principali per comprendere anche la Teologia dell’Infanzia da questo punto di vista?

Vedo tutta la teologia come avente dimensioni sociali e pratiche (distinte da astratte / teoriche). Ma dovresti spiegare cosa intendi per “progetto sociale”. Come tutta la buona teologia, dovrebbe essere di beneficio a coloro che stanno cercando di capire se stessi (ecc.) Alla luce di Dio rivelato in Gesù Cristo. Poiché il segno del bambino è universale, non c’è nessuno escluso dal soggetto! (Questo è importante perché è stato affermato che, a meno che tu non sia nero, donna o povero, non puoi parlare di o per certi gruppi …)  

Pensa che la Teologia del bambino sia abbastanza conosciuta in tutto il mondo? Quando dico “in tutto il mondo” mi riferisco ovviamente alle diverse chiese cristiane e ai seminari teologici dove la Teologia del bambino dovrebbe essere più che presente.

No … Il termine “Teologia del bambino” e il movimento, CTM, hanno poco più di 10 anni. Gran parte del primo decennio è stato dedicato a conversazioni con cristiani impegnati a favore dei bambini e dei giovani. Il nostro focus è ora sui seminari e sui “teologi” (nel senso tradizionale).

Come pensa che potrebbe essere possibile per un individuo di questo mondo, caratterizzato da diverse tentazioni e ingiustizie, sentire e comprendere la bellezza della Teologia del bambino? Pensa che la Teologia del bambino possa diventare uno stile di vita per un individuo?

Questa è una domanda con diversi livelli e presupposti. La mia sensazione è che CT potrebbe forse offrire alcuni raggi di luce su Gesù e sul modo di essere e di agire del Padre, in modo che possiamo pregare con speranza che la volontà di Dio possa essere fatta sulla terra (il mondo reale, cioè) come in cielo. Non credo che la questione della bellezza sia stata sollevata molto (se non del tutto), ma come tutta la teologia genuina deve essere all’opera da qualche parte nella matrice “la verità è bellezza / la bellezza è verità”.  

Possiamo parlare di Teologia del bambino come un progetto ecumenico che può aiutare le diverse chiese cristiane in tutto il mondo ad avere un dialogo davvero prolifico?

Questa è sempre stata l’intenzione. La mia personale speranza / intuizione è che laddove altri mezzi non sono riusciti a facilitare i cristiani che si amano l’un l’altro (e quindi rivelando che siamo discepoli di Gesù Cristo) il bambino posto da Gesù in mezzo a noi potrebbe semplicemente rivelarsi un catalizzatore per una conversazione modesta, ma genuina portando alla comprensione, al rispetto e all’amore.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...