Se siedi in groppa a un asino. Per un’opera spoglia e discreta.

da ReteSicomoro.it che riprende Labottegadelvasaio.net il blog di don Cristiano Mauri.
«I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Gesù: condussero l’asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere».
(Mt 21, 6-7)
Se siedi in groppa a un asino,
sei il Dio della feria, del tempo ordinario, del daffare quotidiano, dell’anonimo scorrere dei giorni.
Se siedi in groppa a un asino,
non hai guerre da combattere, teste da tagliare, città da espugnare, terre da occupare.
Se siedi in groppa a un asino,
la tua è l’opera spoglia e discreta del nutrire, curare, vivificare, lenire, riconciliare, sollevare, consolare, liberare, rialzare, guarire, rallegrare, armonizzare;
Se siedi in groppa a un asino,
il tuo è il mestiere sporco e nascosto del porre un limite al disordine, alla menzogna, all’abbrutimento, alla divisione, all’ingiustizia, alla prevaricazione, allo sfruttamento, alla schiavitù.
Se siedi in groppa a un asino,
il tuo è il volto di un Padre che misteriosamente opera a favore della vita bella, buona e beata dei suoi figli, «finchè sia tutta lievitata».
Se siedi in groppa a un asino,
il Regno dei cieli è vicino e la sua porta spalancata.
E nessuna gamba sarà mai troppo corta da non poter compiere il passo.
don Cristiano Mauri

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...