Hvala, don Renzo!

da Sprofondo.it, il sito dell’Associazione Sprofondo.

Per salutare e ringraziare don Renzo Scapolo, deceduto in questi giorni, proponiamo il link ad una sua intervista e un suo testo del dicembre 2003.

CARI AMICI …
Plesio (Como), dicembre 2003
PONTI, NON MURI!
Il nostro “VECCHIO-GIOVANE” PAPA, Giovanni Paolo II, l’ha detto all’Angelus di domenica 16 novembre 2003, proprio il giorno prima della visita di Sharon in Italia: “La Palestina NON ha bisogno di MURI, MA di PONTI!”.
Il PONTE DI MOSTAR, ricostruito in questi mesi, è il simbolo che “SPROFONDO” si è scelta fin dall’inizio. E, nell’articolo 2° dello STATUTO della nostra Associazione, costituitasi il 25 luglio 1994, si afferma:
“…L’Associazione Sprofondo intende promuovere la pace attraverso:
– il riconoscimento e la tutela dei diritti umani contemplati nella Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo;
– la promozione dell’interculturalità, dell’interetnicità, della interreligiosità, considerate come risorse per la crescita individuale e sociale;
– il superamento delle frontiere e l’abbattimento dei muri tra i popoli, nei popoli e il consolidamento, la ricostruzione e la costruzione di “ponti” tra gli uomini…”.
Siamo contenti che il PAPA ci abbia COPIATO!
Veramente la BIBBIA l’aveva detto… un po’ prima di noi!
San Paolo, verso l’anno 61 (0061!), al capitolo secondo della sua lettera ai Cristiani di EFESO, scrive: “…CRISTO e’ la nostra PACE! Egli ha fatto dei due UN POPOLO SOLO, abbattendo il MURO di separazione che era frammezzo, cioè l’INIMICIZIA…”.
Vogliamo anche noi essere “SMURATORI” e “PONTARI”, ossia smontare i muri e con le pietre costruire ponti!
Proprio sul ponte di VRBANJA, a SARAJEVO, 10 anni fa, il 3 ottobre 1993, GABRIELE MORENO LOCATELLI, un volontario comasco di CANZO, perdeva la vita, colpito da un cecchino.
Insieme a quattro altri “COSTRUTTORI DI PACE”, voleva realizzare un PONTE MORALE CORPOREO, tra gli aggressori e gli aggrediti.
Gabriele, dopo la marcia che facemmo a Sarajevo nel dicembre 1992, era rimasto nella capitale della Bosnia per essere fisicamente VICINO AI “PIU’ ULTIMI”: bambini, vecchi, ammalati. Con nelle mani ACQUA E PANE: NON FUCILE E PANE!
LA CROCE, su cui CRISTO e’ stato inchiodato, forma, insieme al suo CORPO, un DOPPIO PONTE: uno VERTICALE, tra DIO E NOI, e l’altro ORIZZONTALE, tra UOMO E UOMO.
Sempre Giovanni Paolo II, domenica 23 novembre 2003, ha invitato tutti i CAPI RELIGIOSI a lavorare INSIEME, per costruire PONTI di DIALOGO e di SOLIDARIETA’, tra fedi, etnie e culture diverse.
Quindi…ABBATTERE MURI E COSTRUIRE PONTI, INSIEME, COCCIUTAMENTE …

[…]

INSIEME A VOI, VICINI AI “POVERI-CRISTI”, ANCHE NEL 2004, il 10° ANNO DI ATTIVITÀ’ DI “SPROFONDO”…per NON SPROFONDARE.

TOGLIENDO MURI E COSTRUENDO PONTI ANCHE QUI, nella nostra vita quotidiana.
BUONA CONTINUAZIONE A TUTTI!
Con amicizia,
don Renzo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...