Il marketing spirituale

da Interris.it, online international newspaper – con i piedi in terra guardando il cielo.

Cercando un libro sulla spiritualità ci si può imbattere in un testo dal titolo emblematico: “Promuovi il tuo business spirituale“. Nel mondo digitale in cui viviamo, del resto, ci si imbatte facilmente in proposte di attività spirituali ben pubblicizzate, spesso a carattere commerciale. L’aspetto più intimo della nostra esistenza è diventato uno dei tanti servizi culturali e sociali, accessibili ovunque e rivolti quasi a tutti (ovviamente a un prezzo giusto).

Ognuno può scegliere la proposta che più lo aggrada, oppure optare per diverse tipologie, creando così una propria dimensione spirituale. Anche noi cattolici, inutile negarlo, ci stiamo sottomettendo a questo trend. In tutto questo i social media vengono percepiti da molti come una vera e propria autorità religiosa e teologica.

Si determina quindi una dicotomia tra chi si rivolge a questi pratiche per mettersi in mostra e chi, invece, è realmente mosso dall’umile necessità di una scoperta interiore. Un tempo la spiritualità richiedeva silenzio, discrezione e pace: l’esatto opposto a quello che il mercato oggi propone. Ciò crea un ulteriore distorsione, diventata ormai standard: la sempre maggiore distanza tra il messaggio spirituale degno di essere trasmesso – il quale deve crescere nel silenzio e con pazienza – e l’atto stesso della diffusione.

Si deve comunicare, ma cosa? Oggi ognuno vuole insegnare ma nessuno ha tempo e voglia per imparare. Tanti desiderano scrivere e pubblicare i libri, ma sempre meno persone leggono. Quasi tutti vogliono essere maestri, quasi nessuno un discepolo.

Vale la pena ricordare che i veri maestri di spiritualità, i saggi santi, non aspiravano all’insegnamento. Al contrario, quando veniva loro chiesto di condividere il loro sapere si imbarazzavano e spesso si rifiutavano. Poniamoci allora un’altra domanda: quando inizia l’insegnamento? Solitamente erano le persone o i discepoli a chiedere di essere istruiti. Ma prima dovevano essere interessati a imparare e, dopo una lunga ricerca, trovare un docente cui rivolgersi.

Tutti i maestri (o presunti tali) dovrebbero seguire questo esempio: non esporsi e attendere che qualcuno chieda loro un insegnamento. Ma c’è ancora qualcuno che si mette alla ricerca di un maestro? Chi è in grado di resistere alle proposte che arrivano dal mercato, compreso quello spirituale?

Si tratta di un tema molto attuale, ma troppo spesso trascurato. Specie quando tentiamo di evangelizzare è necessario avere qualcosa di profondo da trasmettere: la nostra autentica esperienza di Gesù. Ma se investiamo tutta la nostra energia comunicativa nella ricerca di una platea riusciremmo a conservarne un po’ per quella spirituale?

La tradizione monastica ci insegna che il contenuto è più importante del contatto. Una cosa che oggi sembra impossibile. Ma è davvero così? Un valore spirituale avrà il suo “pubblico” senza aver bisogno di un’operazione di marketing? Una domanda che lasciamo aperta…

Bernard Sawicki

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...