Quale destino per il reato di tortura in Italia?

da Riforma.it, il quotidiano on-line delle chiese evangeliche battiste, metodiste e valdesi in Italia.

Il Senato ha approvato il disegno di legge che prevede l’introduzione del reato di tortura in Italia. Con l’approvazione del 17 maggio si è arrivati alla terza discussione e a innumerevoli modifiche e ora si attende il giudizio della Camera. Il disegno di legge è stato criticato per essere un compromesso al ribasso e lo stesso senatore Luigi Manconi, che era stato il promotore della legge nella sua prima versione, si è astenuto dal voto poiché si trattava di un testo “mediocre”. Ne abbiamo parlato con Massimo Corti, presidente di Acat, l’Azione dei Cristiani per l’Abolizione della Tortura.

Cosa pensa Acat di questo testo?

«Sicuramente è un testo impreciso e con molti compromessi. Il testo fa delle grandi differenze rispetto alle Convenzioni Onu contro la tortura che l’Italia approvò nel 1989. Intanto fa della tortura un reato comune, mentre per la convenzione si parla di un reato commesso soltanto dalle forze dell’ordine, dallo Stato che tiene in proprio dominio una persona e, invece di garantire la sua sicurezza, la tortura. Un reato specifico che per l’Italia diventa un reato comune: alcuni dicono che è una cosa positiva, per esempio l’ospizio che maltratta gli anziani incorrerebbe in un reato di tortura, mentre altrove si tratta solo di violenza. Se da una parte è positivo, dall’altra toglie specifica forza alla lotta contro la violenza di Stato».

L’intervista completa a cura di Matteo De Fazio è disponibile su Riforma.it.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...