Don Lorenzo Milani: elementi per vederlo dentro il contesto ecclesiale. Non facciamogli il torto di pensarlo come un “eroe” isolato

Un prete cattolico isolato è inutile.

don Lorenzo Milani

Approcciandosi con un pò di superficialità alla figura di don Lorenzo Milani è molto facile cadere nelle categorie dell’eroe che combatte da solo contro un mondo ingiusto, del profeta incompreso contro una Chiesa oscurantista e antievangelica, del ribelle impegnato nel sociale perseguitato da una gerarchia e un clero tutto impegnato in processioni, scomuniche e calunnie. Un incontro serio e approfondito con il prete fiorentino necessita di una sua collocazione nel contesto della Chiesa italiana e fiorentina del suo tempo.

Questa è tuttavia un’operazione difficile e complessa. Andrea Riccardi, nel suo intervento al convegno di Milano del 19831, individuava due categorie di difficoltà: la relativa vicinanza cronologica al presente delle situazioni analizzate, con il conseguente esiguo approfondimento interpretativo e storiografico e l’inibizione nel trattare questioni ancora troppo vicine a noi, e le “altre difficoltà inerenti la natura stessa del personaggio, la sua spiccata personalità, la sua decisa originalità, la sua solitudine (quasi un modo d’intendere il celibato ecclesiastico) rispetto alle correnti contemporanee, che rendono impossibile iscriverlo anche parzialmente ad una d’esse”2.

Per questi reali ostacoli e, “forse per un certo vezzo biografico”3, “viene spontaneo leggere la figura di questo prete in maniera isolata dal contesto dalla sua Chiesa fiorentina e di quella italiana, quasi un’avanguardia d’una nuova stagione civile ed ecclesiale. Le categorie della «profezia» e del «profeta» applicate al presente od alla storia come spesso è capitato nella stagione postconciliare, offrono pathos a questa operazione di isolamento di don Milani dalla Chiesa del suo tempo”4. Ma il nobile tentativo di rendere immediatamente avvincente questo importante personaggio del `900 nasconde un rischio: “si prolunga il torto che gran parte della Chiesa fiorentina fece al priore di Barbiana, quello di isolarlo e di considerarlo un estraneo”5. Estraneità che lo stesso priore sentì sempre come ragione di un possibile fallimento della propria opera di sacerdote cattolico e che combatté con decisione.6

1 A. Riccardi, La Chiesa italiana fra Pio XII e Paolo VI, in Don Milani tra Chiesa, cultura e scuola, Atti del convegno di Milano, Università Cattolica, 9-10 marzo 1983, Milano, Vita e Pensiero, 1984, pp. 21-60.
2 Ibi, p. 21.
3 Ibi, p. 22.
4 Ibidem.
5 Ibidem.
6 “Se lei non mi onora oggi con un qualsiasi atto solenne, tutto il mio apostolato apparirà come un fatto privato, qualcosa di simile all’opera d’un pastore protestante. Ma io non lo sono stato e lei lo sa”. All’arcivescovo di Firenze card. Ermenegildo Florit, Barbiana, 5.3.1964, in L. Milani, Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana, VI ed., a cura di M. Gesualdi, Milano, Mondadori, 1971, pp. 207-210, 209. “E’ evidente il desiderio di don Milani di non essere abbandonato, di non essere isolato, ma di respirare all’interno e in sintonia con la Chiesa del suo tempo. Anche il non voler essere considerato come un pastore protestante nasconde un sentimento molto profondo: il senso a una comunità ecclesiale, alla chiesa fiorentina, alla sua gente e al suo Vescovo”. C. Monti, Ministero presbiterale in don Milani, esercitazione di baccalaureato, Como, Studio teologico del Seminario di Como – Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, a. a. 1996-1997, p. 4.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...