50 anni dopo: sulle tracce del Concilio Vaticano II. 4) “Chiesa e mondo contemporaneo” – prof. Giacomo Canobbio

L’itinerario di formazione per laici, sacerdoti e religiosi promosso dalla Diocesi di Como “50 anni dopo: sulle tracce del Concilio Vaticano II” svoltosi tra l’autunno 2012 e la primavera 2013 è nato dall’iniziativa di alcune associazioni ecclesiali del territorio (Acli, Ac, Masci, associazione Ascolto): l’esigenza di non lasciare passare il cinquantesimo del Concilio invano ha guidato prima verso la programmazione di una iniziativa comune e poi al coinvolgimento della Diocesi di Como. Le associazioni laicali si sono così proposte come fermento per la Chiesa locale. L’iniziativa si compose di 4 incontri di conoscenza e approfondimento del grande evento del Concilio rivolti a preti, laici e religiosi. L’auspicio era di poter vivere un momento di approfondimento e di confronto tutti insieme, come unico popolo di Dio, nel miglior spirito conciliare.

Gli incontri erano serali (h 20.45), nelle sedi indicate, con possibilità di trasmissione in video-conferenza in altri punti della Diocesi (Como e Morbegno, Sondrio, Chiavenna, Ponte V., Bormio, Livigno, Abbadia L., Menaggio, Cagno, Canonica di Cuveglio). I contributi furono pubblicati parzialmente sul vecchio sito della Diocesi di Como e ora su Cardinalferrari.diocesidicomo.it.

Venerdì 26 aprile presso il cinema Astra di Como si svolse il quarto e ultimo incontro con “Chiesa e mondo contemporaneo” (prof. Giacomo Canobbio).

Qui di seguito il pdf con l’introduzione di mons. Angelo Riva e la conferenza di mons. Giacomo Canobbio completa delle domande e degli interventi dal pubblico.

4) “Chiesa e mondo contemporaneo” prof. Giacomo Canobbio

Quando parliamo di ‘mondo’ in rapporto alla Chiesa non è così semplice poter precisare il significato. Cosa si intende con ‘mondo’? Ovviamente non il cosmo, ma l’umanità, la società, il mondo delle persone umane nella sua complessità e quindi con tutte le ambiguità che accompagnano l’esistenza delle persone. Parlare di rapporto tra Chiesa e mondo vuol dire tenere conto che né la Chiesa né il mondo sono due realtà da pensare staticamente. Sono piuttosto due realtà in continuo mutamento e interrelazione, e concepire il rapporto tra Chiesa e mondo come il Concilio Vaticano II l’ha pensato vorrà dire entrare nella drammaticità di un rapporto, e su questa vorrei cercare di porre l’accento, tenendo conto, come si diceva introducendo, in particolare della Costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo contemporaneo.

mons. Giacomo Canobbio

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...