I cristiani e l’impegno sociale e politico oggi: essere “popolari” non populisti

Dice un bellissimo testo dei primi secoli del cristianesimo, la cosiddetta Lettera a Diogneto:

«[I cristiani] vivono nella loro patria, ma come forestieri; partecipano a tutto come cittadini e da tutto sono distaccati come stranieri. Ogni patria straniera è patria loro, e ogni patria è straniera».

Continua a leggere