Il Genocidio del Ruanda: un capitolo indimenticabile della storia recente. Intervista di Tudor Petcu a Tarcisse Seminega

Questa volta Tudor Petcu ci invia un’intervista a Tarcisse Seminega, superstite del Genocidio di Ruanda.

All’inizio del nostro dialogo sarebbe necessario scoprire come dovrebbe essere compreso il genocidio in Ruanda. Qual è il significato di questo genocidio? Le lo chiedo perché molti europei, e in particolare gli europei dell’est, per quanto ne so, non hanno idea concreta di cosa abbia realmente significato il genocidio in Ruanda, che è un capitolo molto importante della storia recente.

Questa domanda mi ricorda la controversia che ebbe luogo a New York, presso la sede delle Nazioni Unite nell’aprile 1994 durante il cosiddetto “genocidio in Ruanda”. Il problema era se Tutsi veniva sistematicamente ucciso da Hutu allo sterminio, nel qual caso si trattava di un vero genocidio, o Hutu stava uccidendo Tutsi e Tutsi uccidendo Hutu, nel qual caso si trattava di un conflitto tribale. Alcune persone hanno persino suggerito l’idea di un doppio genocidio. Ma alla fine, fu presto riconosciuto che gli Hutu stavano sistematicamente uccidendo Tutsi disarmati perché erano semplicemente Tutsi.
Nel gennaio 2018, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite designa la Giornata internazionale di riflessione del 7 aprile sul genocidio del 1994 contro Tutsi in Ruanda, modificando il titolo di osservanza annuale che è stata la giornata internazionale della riflessione sul genocidio del 1994 in Ruanda.

Qual è il significato del genocidio contro i tutsi in Ruanda?

Nessuno, specialmente al di fuori del Ruanda, può comprendere il significato di questo genocidio senza ottenere informazioni accurate sugli eventi storici che hanno portato a questa tragedia.

Diciamo brevemente che il Ruanda era composto da tre gruppi sociali: Hutu (circa l’84%), Tutsi (15%) e Twa (1%). Gli hutu erano principalmente agricoltori e primi immigrati in Ruanda. I tutsi erano principalmente pastori di bestiame e immigrati in ritardo in Ruanda. Il Ruanda governò per quasi sette secoli prima che tedeschi e belgi arrivassero rispettivamente in questo paese nel 1885 e nel 1916.

Quando entrarono tedeschi e belgi, migliorarono le differenze sociali considerando Tutsi come superiore a Hutu perché erano organizzati e governavano in modo sorprendente. Hanno anche introdotto l’idea che Tutsi erano i discendenti del figlio di Noè, Ham. Così, la teoria hamitica è nata. I ruandesi furono classificati in Hutu, Tutsi e Twa e nel 1931 ricevettero un’identità contrassegnata come Hutu, Tutsi o Twa.

Dal 1885 al 1959, la dinastia di una famiglia governò il paese insieme ai sovrani tedeschi e belgi, che favorirono l’insieme di Tutsi su Hutu fino al 1959 quando la monarchia fu rovesciata dalla rivoluzione hutu con l’aiuto dei belgi.

Perché quel cambiamento è avvenuto? I belgi si scambiarono le parti perché l’allora regnante tutsi re Mutara III Rudahigwa chiese l’indipendenza immediata, in seguito al movimento africano per l’indipendenza negli anni ’50.

Questa mossa non è stata accolta dai belgi che finora avevano collaborato con Tutsi, garantendo loro le migliori opportunità di istruzione e amministrazione, supportandoli economicamente attraverso un sistema di patrocinio istituzionalizzato e utilizzandoli per imporre lavoro alla maggioranza degli Hutu.

La rivoluzione hutu sostenuta dal dominio coloniale belga ha provocato l’uccisione di molti tutsi, bruciando le loro case e uccidendo le loro mucche (uno dei loro tratti distintivi e fonte di ricchezza nella società) e costringendo molti altri all’esilio nei paesi vicini (nel 1959, 1960 , 1961 e 1973), in particolare la Repubblica Democratica del Congo, il Burundi, l’Uganda e la Tanzania.

Alcuni sono fuggiti in altri paesi stranieri, in particolare paesi europei come il Belgio e gli Stati Uniti d’America. I discendenti di questi rifugiati organizzarono forze armate sotto il nome di Ruanda Patriotic Front (RPF) e attaccarono il Ruanda nell’ottobre 1990 per recuperare il potere.

Con questo background storico in mente, ora puoi capire perché il conflitto si è trasformato in un conflitto etnico o razziale e perché la propaganda fatta dal governo hutu ha cercato di trasmettere alla popolazione hutu l’idea che gli oppressori dei vecchi tempi erano tornati ed erano cercando di unirsi ai loro fratelli Tutsi all’interno del paese e diventare più forte degli Hutu e sterminarli o opprimerli come facevano in precedenza per secoli.

Come forse saprai, i genocidi sono sempre organizzati e perpetrati sotto la copertura di conflitti armati. Questo è stato il caso dell’Olocausto (Seconda Guerra Mondiale), del genocidio cambogiano e del genocidio armeno.

Nel caso del Ruanda, il genocidio è stato organizzato e perpetrato sotto la copertura del conflitto armato tra il governo hutu di Kigali (Ruanda) e i ribelli tutsi in esilio attaccando dalla vicina Uganda.

Pertanto, uccidere i tutsi all’interno del paese faceva parte della strategia di indebolimento dei tutsi attaccanti per impedire loro di unirsi ai ribelli tutsi che stavano facendo importanti progressi militari, essendo ben addestrati guerriglieri e sostenuti da superpoteri come gli Stati Uniti e il Regno Unito, mentre il governo hutu era sostenuto dalla Francia e da alcuni paesi africani come il Kenya, l’Angola, il Sudafrica e la Repubblica Democratica del Congo.

Per preparare questo genocidio, il governo hutu ha istituito propaganda di odio contro Tutsi all’interno del paese, ha addestrato la milizia hutu a uccidere quante più persone possibile in breve tempo, ha acquistato armi, compresi machete che i ruandesi di solito manipolano su base giornaliera per famiglie diverse e lavori agricoli, ha coinvolto l’intera popolazione Hutu (84% dell’intera popolazione) nel progetto.

Quindi, poiché l’Olocausto era principalmente diretto agli ebrei europei, il genocidio in Ruanda aveva lo scopo di uccidere e sterminare i Tutsi all’interno nel 1994 come soluzione finale al conflitto che si opponeva al governo Hutu e alle forze armate Tutsi dall’esilio.

Ecco perché, come accennato in precedenza, invece di chiamare questo genocidio “genocidio in Ruanda”, le Nazioni Unite hanno deciso di chiamarlo “genocidio contro i tutsi in Ruanda” – il motivo è che nessuno è stato ucciso perché era un ruandese, ma la gente furono uccisi o perché appartenevano al gruppo Tutsi nel suo insieme, vivendo in Ruanda nel 1994, o perché erano Hutu contrari al progetto di sterminio dei Tutsi come gruppo.

Può dirmi per favore quante volte gli storici hanno parlato del genocidio in Ruanda, in particolare delle sofferenze subite dai testimoni di Geova durante il genocidio in Ruanda?

Per quanto ne so, non molti storici hanno parlato del genocidio contro i Tutsi in Ruanda con particolare enfasi sul dolore sopportato dai Testimoni di Geova in quel periodo. Di seguito sono riportati alcuni riferimenti sui testimoni di Geova in Ruanda durante il genocidio.

Sotto il titolo “Solo i testimoni di Geova non sono accusati di nulla”, il settimanale svizzero Reformierte Presse dichiarò: Nel 1995, African Rights ha documentato il genocidio in Ruanda su milleduecento pagine. Potrebbe provare la partecipazione di tutte le Chiese ad eccezione dei Testimoni di Geova.

(Reformierte Presse: Harare: 8 dicembre 1998, https://archive.li/Xxzmu [link originale: http://www.ref.ch/ma/meldungen/1664.htm] (visitato il 28 novembre 2018)

Alcuni altri riferimenti includono:
• Genocidio e crisi nell’Africa centrale, di Christian P. Scherrer
• Ruanda prima del genocidio: politica cattolica e discorso etnico nella tarda era coloniale, di J.J. Carney
• Mosco News 20-26 febbraio 1997 p.5, del professore di studi religiosi Sergei Ivanenko.

Puoi anche consultare i seguenti siti Web:

https://www.jw.org/en/news/legal/by-region/rwanda/

https://diaspoint.nl/love-shines-through-in-rwanda-genocide/

http://reiblingfoundation.org/press

Potrebbe specificare perché è stato preso di mira durante il genocidio in Ruanda? Il motivo principale era solo perché apparteneva ai Testimoni di Geova?

Non esattamente. Il motivo principale era perché appartenevo al gruppo etnico Tutsi costruito. Lo dico perché molti testimoni di Hutu Geova non avevano nulla da temere in relazione alla loro etnia. Tuttavia, sono stati perseguitati perché si sono rifiutati di partecipare al genocidio e hanno cercato di nascondere i Testimoni e i non Testimoni di Geova tutsi. La mia famiglia di sette persone potrebbe sopravvivere perché 20 Testimoni di Geova di Hutu hanno lavorato in gruppo per 75 giorni per nasconderci, nutrirci e proteggerci in situazioni difficili, incluso il trasferimento in nove luoghi diversi attraverso blocchi stradali e veglie notturne.

Ogni tragedia storica rappresentava ovviamente una sorta di unicità, come ad esempio l’Olocausto che fu chiamato dagli storici ebrei “Shoah”. Qual è secondo Lei l’unicità del genocidio in Ruanda come catastrofe nella storia recente del mondo?

La somiglianza tra l’Olocausto e il genocidio dei Tutsi in Ruanda potrebbe essere spiegata in questi punti:

  1. sia l’Olocausto che il genocidio contro i Tutsi hanno avuto luogo sotto la copertura di conflitti militari
  2. entrambi gli eventi avevano lo scopo di sterminare un gruppo nel suo insieme
  3. le persone furono prese di mira e uccise semplicemente per quello che erano, ebrei o tutsi
  4. Le vittime erano indifese, appena radunate dalle loro case e hanno portato a luoghi di macellazione dove hanno ucciso in diversi modi.
  5. il genocidio in entrambi i casi è stato visto come una soluzione finale al problema prevalenti.

Le differenze tra l’Olocausto e il genocidio contro i Tutsi potrebbero essere riassunte come segue:

  1. Gli ebrei furono uccisi da cittadini non ebrei in tutti i paesi europei, mentre i tutsi furono uccisi da concittadini ruandesi, solo all’interno dei confini del Ruanda.
  2. L’olocausto è stato principalmente perpetrato dai membri delle SS con la collaborazione di altre autorità eccezionali nella polizia, nell’esercito e nella società civile, ma non ha coinvolto la popolazione nel suo insieme, mentre il genocidio dei Tutsi ha coinvolto non solo la milizia Interahamwe che potrebbe essere paragonata alle SS, alle Guardie presidenziali, alle autorità di polizia e all’esercito, ma anche all’intera popolazione hutu (circa l’84% della popolazione totale del Ruanda) che ha svolto la maggior parte del “lavoro “In modo così rapido!
  3. L’Olocausto ebbe luogo tra il 1939 e il 1945, ma il genocidio contro i Tutsi avvenne in soli 100 giorni, tra il 7 aprile e il 5 luglio 1994. È considerato il genocidio più veloce del 20 ° secolo.
  4. So che esiste un’impressionante letteratura dedicata al genocidio in Ruanda. Quindi, c’è una ricerca impressionante nello studio del genocidio in Ruanda, ma potresti dire che ai nostri giorni a causa di questa ricerca i dolori subiti dai testimoni di Geova durante il genocidio in Ruanda sono abbastanza noti? Se no, cos’altro si dovrebbe fare?

Come ho già detto, anche se molte cose sono state dette e un’impressionante ricerca è stata fatta sul genocidio in Ruanda, ai nostri giorni molto poco è stato fatto per documentare i dolori vissuti dai testimoni di Geova come individui o come gruppo durante o in la scia del genocidio in Ruanda. Per quanto ne sappia, il mio libro è il primo di un testimone di Geova che mette in relazione le difficoltà sopportate da una famiglia di testimoni di Geova e dai loro soccorritori durante il genocidio.

Per indagare su questo settore di ricerca, una cosa che si potrebbe fare è intervistare più sopravvissuti e soccorritori e stabilire per iscritto le loro esperienze. Potrebbero essere scritti più libri o racconti e realizzati altri documentari per aiutare le persone a esplorare e comprendere ciò che è realmente accaduto in Ruanda nel 1994.

Quali sono i principali documentari sul genocidio in Ruanda che potrebbero aiutarci a capire la sua unicità?

Ecco un elenco di documentari che ho trovato istruttivo per quanto riguarda il background storico specifico:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=kBTWYeeeSDc (Ruolo delle false religioni nel genocidio in Ruanda del 1994 (background storico molto interessante)
  2. Ruanda, come la storia può portare al genocidio diretto da Robert Genoud.
  3. Gacaca Film Series (2002-2009) Sito ufficiale della serie di film documentari che include “My Neighbor My Killer” (Selezione ufficiale al Festival di Cannes), “Gacaca Living Together in Rwanda?” “In Ruanda diciamo … muore la famiglia che non parla” e “I quaderni della memoria” della vincitrice dell’Emmy Anne Aghion
  4. Screamers, un documentario della regista Carla Garapedian. Il documentario esamina il modello ripetuto di genocidio, dal genocidio armeno, all’Olocausto, alla Cambogia, alla Bosnia, al Ruanda, fino al Darfur oggi. Dopo la sua uscita nelle sale negli Stati Uniti e in Canada, il documentario è stato proiettato al Congresso degli Stati Uniti, al Parlamento britannico e al Parlamento europeo per sensibilizzare sull’educazione al genocidio. [8] [9] Il documentario completo può essere visto dal canale YouTube ufficiale del film [2] (2006).
  5. Shake Hands with the Devil: The Journey of Roméo Dallaire (2004). Film documentario diretto da Peter Raymont. CBC.
  6. Triumph of Evil (1998). Film documentario sul fallimento delle Nazioni Unite e dell’Occidente, un adattamento, originariamente del giornalista Steve Bradshaw. Una produzione PBS [1].
  7. Journey into Darkness (1994). Film documentario girato in Ruanda durante il genocidio, dal giornalista Fergal Keane. Una produzione della BBC Panorama.
  8. A Culture of Murder (1994). Documentario sul genocidio in Ruanda e sulla difficile situazione dei suoi rifugiati, del giornalista Steve Bradshaw. Una produzione della BBC Panorama.
  9. The Bloody Tricolor (1995). Film documentario sul coinvolgimento della Francia in Ruanda prima del genocidio. Una produzione della BBC Panorama.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...