Giovanni Paolo II e il dilemma del rapporto tra fede e ragione. Un saggio di Tudor Petcu

Il ruolo che Papa Giovanni Paolo II diede alla relazione tra fede e ragione fu, potremmo dire, la prima grande prospettiva papale su quest’ultima dopo quasi 120 anni.

Il Concilio Vaticano I del 1869-1870 aveva affermato che le persone possono conoscere l’esistenza di Dio attraverso la ragione, e l’enciclica di Leone XIII nel 1879, Aeterni Patris, propose San Tommaso d’Aquino come modello per la sintesi di fede e ragione. Ma dalla fine del diciannovesimo secolo erano successe molte cose nella civiltà umana e, ultimo ma non meno importante, un drastico declino della fiducia nel fatto che la filosofia sarebbe stata in grado di fornire una conoscenza della verità delle cose.

Consapevole di tutti questi aspetti, Giovanni Paolo II, basato sulla sua formazione durante il suo apprendistato filosofico, si è costantemente concentrato sul dilemma della connessione tra fede e ragione, e tutti i suoi sforzi sul problema sopra menzionato si sono materializzati in uno dei documenti più importanti della filosofia vaticana, vale a dire nell’enciclica Fides et ratio, la tredicesima enciclica del suo pontificato.

In Fides et ratio, Papa Giovanni Paolo II deplora il modo in cui la ricerca scientifica ha trovato le sue basi all’interno di una mentalità positivista, una mentalità che nega qualsiasi importanza all’idea cristiana del mondo, ma che, allo stesso tempo, ignora tutto ciò che significa metafisico e morale. Questo stato di cose ricorda, secondo l’opinione di Giovanni Paolo II, l’anonimato del neopositivismo logico a Vienna, i cui rappresentanti di spicco, come Ernst Mach, Friedrich Weissman o Rudolf Carnap, credevano che la verità potesse essere trovata solo nella scienza, la metafisica si basa su due tipi di errori: da un lato usa parole senza significato e, dall’altro, le sue affermazioni sono prive di significato.

Dopotutto, vivendo in un’epoca in cui l’umanità è estranea a tutte le forme ludiche di trascendenza divina e metafisica, si può dire che per termini o concetti come l’Assoluto, l’Incondizionato, l’Essere stesso, nessuno può fornire condizioni empiriche di verità, ma solo sentimenti e rappresentazioni dietro il presunto significato. Pertanto, secondo Papa Giovanni Paolo II, l’era contemporanea è stata con disinvoltura immersa negli angoli più oscuri dell’ignoranza ed essere estatica dalle varie scoperte scientifiche per le quali le idee e la metafisica cristiana sono i frutti dell’ingegno con cui l’umanità e rafforzato un sistema di illusioni per sopravvivere. Per accentuare ulteriormente questo stato di bizzarria etica e sociale, Giovanni Paolo II considera il seguente aspetto: “la conseguenza di questo stato di cose è che alcuni scienziati, privi di qualsiasi riferimento etico, non rischiano più avere al centro del loro interesse la persona e la struttura globale della sua vita. Inoltre: alcuni, consapevoli delle possibilità insite nel progresso tecnologico, sembrano arrendersi, non solo alla logica del mercato, ma anche alla tentazione di un potere demiurgico sulla natura e sull’essere umano ”.

Pertanto, seguendo l’approccio di Papa Giovanni Paolo II, scopriamo che l’umanità sta vivendo l’incommensurabile dramma della separazione tra fede e ragione. Umanesimo rinascimentale, machiavellismo, illuminazione, questi sono solo alcuni momenti della storia universale che hanno escluso Dio da qualsiasi aspetto della vita e della società.

D’altra parte, l’era contemporanea non è più lontana. Dall’emergere del nichilismo di Nietzsche a seguito della crisi del razionalismo, un’era noiosa e futile di irrazionalismo è stata decantata, manifestandosi principalmente nel postmodernismo relativistico le cui correnti ironiche ed eterogenee come il decostruttivismo, il poststrutturalismo, solo l’amoralismo una mente superata. Secondo Papa Giovanni Paolo II, la filosofia ha dovuto affrontare un limite radicale, trasformandosi da quell’amore per la saggezza in una delle tante regioni della scienza umana. Pertanto, “invece di contemplare la verità e cercare lo scopo e il significato ultimo della vita, queste varie forme di razionalità che enfatizzano la marginalità della scienza filosofica sono orientate come” ragione strumentale “per servire scopi utilitari, piacere o potere”.

Pertanto, siamo costantemente minacciati dal pericolo di assolutizzare questo percorso: “l’uomo di oggi sembra essere sempre più minacciato da ciò che produce, cioè dal risultato del lavoro delle sue mani e, ancor più, dal lavoro del suo intelletto, dalle tendenze della sua volontà. I frutti di questa multipla attività dell’uomo, troppo presto e in modo spesso imprevedibile, non sono solo e non tanto l’oggetto di “alienazione”, nel senso che sono presi semplicemente da colui che li ha prodotti; soprattutto, almeno in parte, in un cerchio coerente e indiretto dei suoi effetti, questi frutti sono diretti contro l’uomo ”.

Come risultato di queste trasformazioni culturali, nella filosofia la fede è priva di qualsiasi importanza, e i ragionamenti che propone non sono altro che manifestazioni di materialismo individualista il cui scopo è raggiungere la certezza soggettiva o l’utilità pratica. Quindi, nella visione di Papa Giovanni Paolo II, se la fede è stata privata di qualsiasi ruolo, la ragione non è soprattutto, perché secondo i risultati del Sovrano Pontefice, senza fede non ci può essere ragione, così come senza ragione non può esserci fede.

Secondo Papa Giovanni Paolo II, la fede senza ragione non fa altro che minare i sentimenti e l’esperienza e quindi rischia di perdere il suo status di proposta universale. D’altra parte, una ragione che non è raddoppiata da una fede autentica e profonda non ha la capacità di focalizzare, o in altre parole, di analizzare la trasformazione dell’essere umano o il divenire dell’essere. “Pertanto, il mio forte e incisivo appello alla filosofia e alla fede per riguadagnare la profonda unità che li rende in grado di essere coerenti con la loro natura nel rispetto dell’autonomia reciproca non dovrebbe apparire fuori posto. La parresia della fede deve avere come corrispondente il coraggio della ragione ”[4].

Pertanto, ciò che Papa Giovanni Paolo II ha descritto come la “falsa modestia” della filosofia non ha rimosso le grandi domande. Perché c’è qualcosa invece di niente? Cosa è buono e cos’è male? Quindi, è giunto il momento, disse Giovanni Paolo II, che la filosofia riacquisti il ​​suo orrore e lo stupore, quelli che portano alla verità trascendente. Altrimenti, saremo accolti da un altro secolo pieno di lacrime.

La filosofia verso la verità trascendente è una questione cruciale per la religione. La filosofia degli antichi greci aiutò a purificare la religione dalle superstizioni. La tentazione della superstizione, tuttavia, è perenne e talvolta assume la forma dell’affermazione secondo cui la fede non può essere sottoposta ad analisi razionale. Nel clima culturale odierno, ciò significa sottolineare che la fede è solo una questione di sentimento e di vita. Inoltre, la richiesta di una fede razionale sembra essere fortemente influenzata dalla fede religiosa risorgente.

Pertanto, sulla base di questi argomenti presentati nel presente studio, Papa Giovanni Paolo II conclude che se la fede e la ragione non agiscono insieme, il rilancio delle credenze religiose non sarà in grado di fornire una base sicura per la dignità umana, per che questa dignità è nella capacità dell’uomo di conoscere la verità, di aderirvi e di viverla.

Questo stretto legame tra ragione e fede è, inoltre, l’unico che, nella visione di Papa Giovanni Paolo II, offre alla persona umana la vera libertà, che lo stesso Sovrano Pontefice percepisce in termini di responsabilità, di dovere.

Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...