La storia della letteratura ungherese. Intervista di Tudor Petcu a Peter Demeny

L’intervista che ci invia l’amico Tudor Petcu è a Péter Demény (Cluj-Napoca, 24 luglio 1972), un poeta, scrittore ed editore. Nel 1990 si è diplomato alla Samuel Brassai Theoretical High School. Tra il 1990 e il 1995 si è laureato presso il Dipartimento Ungherese-Rumeno dell’Università Babeș-Bolyai. Dal 1995 al 1999, direttore della casa editrice Kriterion di Cluj-Napoca. Tra il 1999 e il 2002, è stato il principale collaboratore del quotidiano della Transilvania, The Chronicle. Tra il 2002 e il 2003, caporedattore del Transylvanian Report Weekly. Dal 2003 al 2008 ha lavorato come caporedattore della casa editrice Polis a Cluj-Napoca, e dal 2008 è stato redattore di saggio della rivista trasparente trasparente di Tisza. Dal 2001 insegna come insegnante a contratto presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Babeș-Bolyai.

Continua a leggere

Il tesoro e la bellezza dell’Ortodossia. Intervista di Tudor Petcu a Márta Varga

Il dottor Tudor Petcu ci invia una nuova intervista, questa volta a una donna ungherese che vive a Budapest, Márta Varga. Márta Varga è la custode secolare della Cattedrale dell’Assunzione a Budapest.

Prima di tutto, vorrei che parlasse un po’ di Lei e del suo cammino verso l’ortodossia in modo che i nostri lettori possano scoprire la sua personalità.

All’età di 17 anni conobbi l’ortodossia. Durante gli anni delle scuole superiori andavo in un liceo russo. La mia scuola organizzò un viaggio estivo. Percorso Mosca, Jaroslavl ‘, Mosca. Durante il viaggio ci fermammo in quello che allora era Zagorsk (ora Sergiev Posad). La Lavra della Trinità di San Sergio mi impressionò. Non lontano dalla Cattedrale dell’Assunta e dalla reliquia di San Sergio di Radonez, la conversione fu un istante. In un solo minuto, fui illuminata e subito dopo il mio ritorno in Ungheria mi convertii alla fede ortodossa. Non c’erano domande. Non avevo conoscenze teologiche, solo il mio cuore ha dettato questa scelta. Dopo essere arrivata a casa, mi ci è voluto un anno e mezzo per trovare la Cattedrale di Nostra Signora di Petőfi in Danubio.

Continua a leggere

Ricordi sul padre Ferenc Visky. Intervista di Tudor Petcu a Francisc Visky, il figlio di padre Ferenc Visky

Ferenc Visky (Egri, 1 luglio 1918 – Nagyvárad, 5 ottobre 2005) era un ministro della Chiesa riformata ungherese in Transilvania e un leader nel risveglio evangelico in Romania che trascorse diversi anni in prigione sotto il dominio comunista di quel paese.

Ferenc Visky è nato a Egri (contea di Satu Mare), che a quel tempo faceva parte dell’Ungheria, diventando parte della Romania nel 1920. Nel 1936, finì la scuola secondaria a Satu Mare e fuggì oltre il confine con l’Ungheria con il suo migliore amico, il poeta Sándor Gellért, per studiare teologia all’Università di Debrecen. Mentre era ancora uno studente universitario, entrò in contatto con il Reformed Renewal Movement associato alla CE (Christian Endeavor) Bethany Association sotto la direzione del Dr. Aladár Szabó. Dopo la laurea, ha prestato servizio per un certo periodo come viceministro del Dr. Endre Kincses a Mateszalka. Alla fine della seconda guerra mondiale, sposarono Júlia Sollich di Budapest e insieme decisero di tornare in Transilvania.

Nel 1944 attraversarono segretamente il confine con la Transilvania e iniziarono il loro servizio ad Egri. Nel 1958, fu arrestato insieme a 18 associati, principalmente altri ministri, e fu condannato a 22 anni di carcere nella prigione di Gherla. Sua moglie e i loro sette figli (il più grande aveva dodici anni, il più giovane aveva due anni) furono deportati nel Brasile.

20200202 viskys-1964-after-the-entire-family-was-reunited

Nel 1964 l’intera famiglia fu rilasciata inaspettatamente. Sebbene avesse molte opportunità di lasciare la Romania per l’Occidente, Ferenc scelse di rimanere e di servire come ministro nella chiesa riformata fino al suo ritiro forzato.

Ha anche scritto diversi libri, è stato un oratore molto ricercato e ha svolto un ruolo chiave nella fondazione della Koinónia Publishing e della Genesis Association for University Students, entrambi con sede a Cluj, in Romania. Gli uomini e le donne più anziani nella cultura ungherese sono chiamati zio [BAH-chee] e zia [NAY-nee], rispettivamente, che significa zio e zia, un termine per rispetto e affetto. Così, Ferenc era sempre noto come zio Feri mentre sua moglie, Julia, era zia Jucika.

Continua a leggere

La storia dell’Ortodossia in Ungheria

Come molti altri paesi situati tra l’Europa orientale e occidentale, il passato ortodosso dell’Ungheria è molto nascosto e dimenticato. Sebbene, come la Polonia, l’Ungheria sia stata illuminata solo in un periodo più tardo nella storia dell’Ortodossia europea, molti santi sono sorti dal suo territorio. Ciò è dovuto al fatto che in tempi più antichi, prima della venuta degli ungheresi o magiari, questo territorio era noto come Pannonia ed era anticamente associato all’apostolo Andrea. Come tale, nel IV, V e VI secolo, produsse anche alcuni dei più grandi tra tutti i santi ortodossi, come san Martino di Tours e san Martino di Braga.

Continua a leggere

La spirale

da Moked.it, il portale dell’ebraismo italiano.

Abbiamo già avuto modo di denunciare la terribile spirale antisemita che va sempre più avviluppando, giorno dopo giorno, due tra i maggiori Paesi europei, la Polonia e l’Ungheria. Due nazioni di grandissima civiltà, ricche di storia, cultura, arte, che hanno entrambe assai sofferto per la feroce invasione nazista, e che dei giorni bui paiono invece provare evidentemente nostalgia, magari proprio col pretesto di urlare al mondo che loro, polacchi e ungheresi, sono sempre stati antinazisti, e che chi lo nega diventa automaticamente antipolacco o antiungherese.

Continua a leggere

Il significato del comunismo in Germania. Intervista ad Anna Kaminsky a cura di Tudor Petcu

Proponiamo un’intervista ad Anna Kaminsky sulla storia del comunismo in Germania a cura di Tudor Petcu.

Anna Kaminsky è amministratore delegato della Bundesstiftung Aufarbeitung, la Fondazione federale per la rivalutazione della SED-dittatura nella Germania orientale.
Ha studiato al Dipartimento di Linguistica teorica e applicata (specializzazione in lingue romanze, diplomandosi come mediatore linguistico) presso l’Università Karl Marx di Lipsia; Dottorato 1993 phil. su “Linguaggio in politica: analisi dei testi politici del nazionalismo catalano 1898-1917”; Dal 1993 al 1998 partecipazione a vari progetti di ricerca e mostre u.a. all’Istituto di ricerche sociali comparate di Berlino, all’Università di Münster, al Memoriale di Sachsenhausen e al Museo storico tedesco; dal 1998 assistente di ricerca, dal 2001 direttore / direttore della Fondazione federale per la valutazione della dittatura SED.

Membro dei consigli consultivi del Memoriale di Berlino-Hohenschönhausen, della Fondazione del Muro di Berlino, del Comitato consultivo scientifico della Fondazione Stiedung Gedenkstätten Sachsen-Anhalt e del comitato consultivo della Fondazione Ettersberg. Membro del Dialogo di Pietroburgo e del gruppo di esperti del governo federale di BKM. Dal 2018 membro del Consiglio consultivo internazionale per l’istituzione di un museo e centro di ricerca per i crimini del comunismo a Tallinn / Estonia.

Ha al suo attivo diverse pubblicazioni sulla cultura quotidiana e consumistica, nonché sulle questioni relative alla politica del ricordo; et al Spese folli. La storia delle case di vendita per corrispondenza della Germania dell’Est, Berlino 1998; Homecoming 1948. Storia e destini dei prigionieri di guerra tedeschi, Monaco 1998; Prosperità, bellezza, felicità. Piccola storia dei consumatori della RDT, Monaco 2001; Donne nella GDR Erfurt 2014 e Chr. Links Verlag Berlin 2016. Memorial Work and Oral History (curato insieme a F. Boll), Berlino 2002; Luoghi del ricordo. Memoriali, memoriali e musei sulla dittatura della SBZ e della DDR (come editore), 1a edizione Leipzig 2004, 2a edizione Berlino 2007, 3a edizione 2015; Hrsg: luoghi di memoria al terrore di massa 1937/38 nella Federazione Russa, Berlino 2007; Hrsg: luoghi di memoria all’Holodomor 1932/33 in Ucraina, casa editrice universitaria Leipzig 2008; Ed.: Il muro di Berlino nel mondo, Berlin Story Verlag 2009, 2a edizione 2014; Hrsg.: Luoghi commemorativi per le vittime del comunismo in Bielorussia, Berlino 2011 e per le vittime di Katyń (2013), Hrsg: Musei e memoriali in memoria delle vittime delle dittature comuniste. Dresda: Sandstein-Verlag 2018.

Continua a leggere

Croci vicine terre lontane. Una ricerca di Giorgio Cavalleri

da Nodolibrieditore.it, il sito di NodoLibri il marchio editoriale di arte e storia locale comasca.

In occasione del 4 novembre 2014 e del centenario del primo conflitto mondiale, l’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Amato Perretta” ha pubblicato, in collaborazione con le Acli di Como, la ricerca di Giorgio Cavalleri dedicata all’Ossario del Cimitero di Camerlata, dove sono tumulati i resti mortali di tutte le persone morte negli ospedali militari di Como durante la guerra, compresi – caso piuttosto raro – anche i soldati “nemici”, cioè i prigionieri dell’esercito austro ungarico. La ricerca ricostruisce questa interessante vicenda mettendo l’accento soprattutto sulle tracce delle storie personali di questi soldati provenienti dalle più diverse regioni dell’impero asburgico.

Come attestano le scritte poste sopra le due porte d’accesso: «I resti mortali dei militari deceduti per cause di guerra negli ospedali di Como e appartenenti agli eserciti che si avversarono nella prima guerra mondiale riposano, accomunati dopo le esumazioni, nella pace di questa cripta».

L’opuscolo di Giorgio Cavalleri è disponibile gratuitamente sul sito Internet NodoLibri:

20181104 croci-vicine-terre-lontane-237723

Giorgio Cavalleri, Croci vicine terre lontane, Como, 2014, NodoLibri

Continua a leggere