Il significato del comunismo in Germania. Intervista ad Anna Kaminsky a cura di Tudor Petcu

Proponiamo un’intervista ad Anna Kaminsky sulla storia del comunismo in Germania a cura di Tudor Petcu.

Anna Kaminsky è amministratore delegato della Bundesstiftung Aufarbeitung, la Fondazione federale per la rivalutazione della SED-dittatura nella Germania orientale.
Ha studiato al Dipartimento di Linguistica teorica e applicata (specializzazione in lingue romanze, diplomandosi come mediatore linguistico) presso l’Università Karl Marx di Lipsia; Dottorato 1993 phil. su “Linguaggio in politica: analisi dei testi politici del nazionalismo catalano 1898-1917”; Dal 1993 al 1998 partecipazione a vari progetti di ricerca e mostre u.a. all’Istituto di ricerche sociali comparate di Berlino, all’Università di Münster, al Memoriale di Sachsenhausen e al Museo storico tedesco; dal 1998 assistente di ricerca, dal 2001 direttore / direttore della Fondazione federale per la valutazione della dittatura SED.

Membro dei consigli consultivi del Memoriale di Berlino-Hohenschönhausen, della Fondazione del Muro di Berlino, del Comitato consultivo scientifico della Fondazione Stiedung Gedenkstätten Sachsen-Anhalt e del comitato consultivo della Fondazione Ettersberg. Membro del Dialogo di Pietroburgo e del gruppo di esperti del governo federale di BKM. Dal 2018 membro del Consiglio consultivo internazionale per l’istituzione di un museo e centro di ricerca per i crimini del comunismo a Tallinn / Estonia.

Ha al suo attivo diverse pubblicazioni sulla cultura quotidiana e consumistica, nonché sulle questioni relative alla politica del ricordo; et al Spese folli. La storia delle case di vendita per corrispondenza della Germania dell’Est, Berlino 1998; Homecoming 1948. Storia e destini dei prigionieri di guerra tedeschi, Monaco 1998; Prosperità, bellezza, felicità. Piccola storia dei consumatori della RDT, Monaco 2001; Donne nella GDR Erfurt 2014 e Chr. Links Verlag Berlin 2016. Memorial Work and Oral History (curato insieme a F. Boll), Berlino 2002; Luoghi del ricordo. Memoriali, memoriali e musei sulla dittatura della SBZ e della DDR (come editore), 1a edizione Leipzig 2004, 2a edizione Berlino 2007, 3a edizione 2015; Hrsg: luoghi di memoria al terrore di massa 1937/38 nella Federazione Russa, Berlino 2007; Hrsg: luoghi di memoria all’Holodomor 1932/33 in Ucraina, casa editrice universitaria Leipzig 2008; Ed.: Il muro di Berlino nel mondo, Berlin Story Verlag 2009, 2a edizione 2014; Hrsg.: Luoghi commemorativi per le vittime del comunismo in Bielorussia, Berlino 2011 e per le vittime di Katyń (2013), Hrsg: Musei e memoriali in memoria delle vittime delle dittature comuniste. Dresda: Sandstein-Verlag 2018.

Potrebbe spiegarmi come intende il comunismo? Quale, secondo lei, è il miglior significato o, meglio, la migliore definizione del comunismo?

Il comunismo è un’ideologia totalitaria che persegue l’obiettivo di una rivoluzione socialista, che a sua volta dovrebbe consentire una vita apparentemente migliore nello stato ideale del comunismo.

Per ottenere ciò, i partiti comunisti si sono serviti (e hanno servito) il potere autoritario. Questo ha compreso in particolare:

  • La regola del partito unico di un partito socialista comunista / statale. Tutte le altre parti, se presenti, dipendono dal Partito Comunista.
  • Abolizione della separazione dei poteri e messa in comune di tutti i poteri nello Stato Partito, che allo stesso tempo controlla i rami legislativo, esecutivo e giudiziario. Ciò elimina il tipico sistema di controlli e contrappesi delle democrazie. Tutti gli strumenti di potere statali come polizia, esercito, agenzie di intelligence sono quindi nelle mani del partito.
  • Regnare con la repressione e la soppressione dei dissidenti (ad esempio, nel sistema di stoccaggio del Gulag in Unione Sovietica, nei campi speciali sovietici nella zona sovietica / RDT).
  • Creazione di un servizio segreto di polizia / intelligence per monitorare e perseguitare i dissenzienti (KGB in Unione Sovietica, MfS nella RDT, Securitate in Romania, ecc.).
  • Coordinare la vita pubblica creando organizzazioni e istituzioni di partito a tutti i livelli (sindacati, organizzazioni femminili e giovanili, ecc. e vietando le organizzazioni non comuniste).
  • Controllo dei media.
  • Sistema economico pianificato che include l’espropriazione della proprietà privata con mezzi violenti e la collettivizzazione forzata dell’agricoltura.

Il dominio comunista dovrebbe essere definito soprattutto in termini di politica del potere. Fondamentale per questo è la domanda: come hanno fatto i comunisti a occuparsi del potere se ce l’hanno? Ciò si traduce in un’immagine uniforme. I comunisti, ovunque fossero in grado di acquisire potere politico, prima o poi stabilirono regimi dittatoriali basati sul terrore e la repressione.

Una logica insita nel comunismo porta inevitabilmente all’erosione della democrazia e alla creazione di strutture autoritarie che finiscono con l’instaurazione di una dittatura. Dalla presa violenta del potere da parte dei bolscevichi nella Rivoluzione d’Ottobre del 1917 ad oggi, né nei paesi comunisti Repubblica Popolare Cinese, Corea del Nord, Vietnam, Laos e Cuba, questa tendenza ha confermato costantemente nel corso degli ultimi quasi 100 anni. Rappresenta quindi un elemento di collegamento di un secolo di politica comunista: in definitiva, non importava se i comunisti si riferissero a Marx, Lenin, Stalin, Mao, Tito, Che Guevara o altri teorici. Le conseguenze furono sempre dittature disumane. Ideologicamente, questo può essere attribuito all’obiettivo compulsivo di una rivoluzione socialista. Poiché questi – contrariamente all’annuncio di Karl Marx e Friedrich Engels – sono rimasti dispersi, i comunisti hanno cercato di far rispettare questa rivoluzione con la forza. Ciò è stato realizzato ad esempio nel 1917 in Russia, nel 1949 in Cina e nel 1959 a Cuba.

I corrispondenti leader comunisti riscrivevano la teoria di Marx e Engels in un modo che si adattava alle loro circostanze. Perché Marx ed Engels avevano predetto che negli stati democratici economicamente avanzati nell’Europa occidentale e nel Nord America, i lavoratori avrebbero dovuto innalzarsi e attuare una rivoluzione socialista. Non è successo. I corrispondenti tentativi violenti da parte delle minoranze fallirono, ad esempio nel 1923 in Germania. Lenin, Mao, Castro, ecc., quindi, dovettero trovare la loro spiegazione sul motivo per cui, di tutti i posti, si stavano affermando violentemente negli stati che Marx ed Engels consideravano inadatti per una rivoluzione socialista. Inoltre, la maggioranza della popolazione negli stati ora socialisti doveva soffrire rapidamente dei nuovi governanti. Dopo un breve periodo, molte persone si sono rese conto che non sarebbe arrivato al paradiso comunista annunciato. Per sopprimere le ribellioni e i movimenti di opposizione, i rispettivi governanti comunisti costruirono quindi un apparato repressivo e terroristico completo con servizi segreti, prigioni speciali e campi. Solo in questo modo il sistema di dittatura comunista nella maggior parte degli stati potrebbe mantenuto per decenni e le rivolte dell’opposizione (ad esempio, in Germania Est nel 1953, in Ungheria nel 1956, Cecoslovacchia nel 1968) sono state violentemente represse.

Si può dire che il comunismo tedesco ha una specificità? In altre parole, si può dire che c’è una differenza tra il comunismo in Germania e il comunismo nell’Europa orientale?

Il dominio comunista nella SBZ e nella RDT differisce dalle loro basi non dal dominio comunista nell’Europa orientale. Proprio come, per esempio, in Polonia, Cecoslovacchia o Ungheria, un partito di stato comunista (Partito socialista di unità della Germania – SED) fu installato nella Germania orientale con l’aiuto dei sovietici. Il SED fu fino alla fine del 1989, il potere dominante assoluto nella RDT. Oggi c’è il partito successore del SED (The Left, ex PDS), che non è più un vero partito comunista, ma è programmaticamente radicato nel comunismo in molti modi. La sinistra è particolarmente forte nella Germania orientale, mentre nella Germania occidentale ha pochi seguaci. C’erano solo piccoli partiti comunisti dopo la seconda guerra mondiale. Il KPD fu bandito nel 1956 dal più alto tribunale tedesco, la Corte costituzionale federale, perché operò attivamente contro la democrazia e i partiti successivi non ebbero grande influenza sulla vita politica.

Nella maggioranza della popolazione tedesca, il comunismo è ora visto come qualcosa di negativo, perché l’elaborazione della dittatura del SED ha fatto conoscere crimini e violazioni dei diritti umani. In alcune parti, tuttavia, anche il comunismo è visto positivamente: nella Germania orientale, soprattutto perché alcune persone ricordano solo i lati apparentemente positivi, come la bassa disoccupazione, ma senza considerare le conseguenze negative (ad esempio, per l’economia). Anche il comunismo in Germania è talvolta considerato positivamente perché i comunisti hanno resistito al nazionalsocialismo e molti di loro sono morti. Spesso si dimentica che il KPD ha contribuito con le sue politiche anti-democratiche all’ascesa dei nazisti.

Che cosa dobbiamo prima sapere sullo sviluppo del comunismo in Germania? Pongo questa domanda perché voglio trovare maggiori informazioni sulla storia dell’organizzazione politica del Partito comunista in Germania.

La politica dei comunisti tedeschi inizia con la secessione dalla socialdemocrazia e l’istituzione degli Spartakusbundes del 1918. Già qui l’obiettivo di una rivoluzione socialista / comunista per prendere il potere oscura tutti gli altri argomenti. La fondazione del KPD nel 1919 e la crescente influenza di Stalin sul partito sono quindi la logica prosecuzione di questa politica. Alla fine della Repubblica di Weimar, persino comunisti e nazionalsocialisti lavorarono insieme per distruggere la democrazia (ad esempio, nello sciopero dell’autorità dei trasporti di Berlino nel 1932). In questo caso, quindi, anche i comunisti che subentrano nel GDR importanti incarichi politici, come ad esempio l’ultimo presidente del Consiglio di Stato Walter Ulbricht. Un ottimo riassunto di questo sviluppo si può trovare in questo libro: Hermann Weber, Communism in Germany 1918-1945, Darmstadt, Scientific Book Company 1983.

Non so se faccio la migliore domanda ora, ma devo dire che la mia domanda è una nuova partenza da parte mia. Quindi, la mia domanda è questa: qual è la definizione o opinione generale sul comunismo in Germania oggi?

In Germania, specialmente i più giovani, non si sa molto del comunismo e della sua storia. Questo è un problema Per coloro che non hanno vissuto loro stessi o sono politicamente / interessati alla storia, il comunismo in Germania è in gran parte identificata con le politiche dittatoriali del SED nella RDT e il Partito comunista sovietico in Unione Sovietica. Per la maggior parte, il comunismo è respinto perché ha portato a una dittatura nella Germania dell’Est e il sistema di economia pianificata non ha funzionato.

Come definisce il comportamento politico del Partito Comunista in Germania?

La politica del KPD fu fin dalla sua istituzione 1919 anti-democratica. Voleva realizzare una rivoluzione sul modello della “rivoluzione d’ottobre” russa. Allo stesso tempo, era completamente subordinata alla volontà di Mosca. Più volte il KPD ha cercato di porre fine alla Repubblica di Weimar (1919-1933) con la forza, come ad esempio la rivolta di Spartaco nel 1919 e la rivolta di Amburgo nel 1923.

Nel periodo del nazionalsocialismo, il partito comunista non è stato assente dalla coraggiosa resistenza, ma ha anche combattuto a lungo contro la SPD invece di agire con lei contro Hitler. Dopo la fine della guerra, il KPD, come SED nella Germania dell’Est, sostenne una dittatura comunista che poteva essere eliminata solo dalla rivoluzione pacifica del 1989.

Nella Germania occidentale l’atmosfera dopo la guerra era piuttosto anticomunista. A causa del divieto del 1956 il KPD nella Repubblica federale non è stato in grado di sviluppare la sua politica antidemocratica. Sebbene i piccoli gruppi e partiti comunisti abbiano avuto un certo afflusso di giovani negli anni ’60 e ’70, rimasero in gran parte inefficaci.

Pensa che sia necessario discutere di una differenza tra marxismo e comunismo? Dovremmo fare questa differenza perché di solito parliamo di comunismo marxista e, a mio parere, non è giusto.

Marx, d’altra parte, ha compreso se stesso principalmente come uno scienziato che descrive i processi economici. Può quindi essere interpretato da molte direzioni politiche – così, per esempio, dalla socialdemocrazia. Se le teorie di Marx debbano inevitabilmente finire con la violenza è una questione aperta fino ad oggi. È risaputo che le politiche di coloro che si riferivano a Marx, come Lenin, Stalin, Mao, ecc., finirono con la violenza e la repressione.

Possiamo parlare di un fallimento del Partito Comunista in Germania?

Se guardi l’obiettivo desiderato: sì. Lo stato finale del comunismo dovrebbe essere una società perfetta (“senza classi”), che Karl Marx non ha descritto in dettaglio. Con questa inafferrabile promessa di salvezza, i partiti comunisti di tutto il mondo hanno trovato sostenitori, incluso il KPD. Ma tutti questi partiti, quando arrivarono al potere, non portarono libertà, pace e prosperità, ma il contrario. In Germania, il partito comunista di stato della DDR ha costruito una dittatura. Le conseguenze furono numerose vittime, un ambiente devastato e un’economia non competitiva. Nella Germania occidentale, il KPD ha lavorato con il supporto segreto di SED e CPSU contro la democrazia parlamentare fino a quando non è stato vietato. Lì, i partiti comunisti avevano pochissimi membri. Anche nella DDR, sulla scia della rivoluzione pacifica del 1989, le persone, se hanno una libera scelta, hanno votato per una democrazia parlamentare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...