Strage di Marzabotto – Intervista a Giuseppe Dossetti

«Il ricordo può svilire in routine, il pensiero mai». La memoria può non essere bastevole, occorre modificare radicalmente il modo di pensare. È questo l’invito, l’auspicio e in un certo modo anche l’ammonimento che don Giuseppe Dossetti volle suggerire alle giovani generazioni in una delle ultime interviste concesse.

«Rompendo» il silenzio della vita monastica nel maggio del 1994, conversando con Carlo Di Carlo, don Giuseppe parla della strage di Marzabotto, del nazismo, della guerra, pensando in particolare modo ai giovani, che numerosi accorrevano a Monte Sole per fare memoria e per riflettere sull’orrore della guerra.

 

Dal film “La Pace e il Silenzio”, 1994, girato da Carlo di Carlo per la Provincia di Bologna. Don Giuseppe Dossetti parla dal Monastero della Piccola Famiglia dell’Annunziata a Monte Sole. Crimini di guerra “delitto castale”, preparazione delle SS alle stragi.

 

Dossetti narra la strage da quello che definisce il suo epicentro: la Chiesa di Casaglia, il 29 settembre 1944 – motivo della fondazione qui, nel 1984, del monastero della Piccola Famiglia dell’Annunziata.

 

La ‘perdita umana’ della guerra, “catastrofe dell’uomo”.

 

Possibile la riconciliazione? Dossetti parla come ex comandante partigiano disarmato. Memoria priva di rancore – ma distinzioni che restano nella storia “incancellabili”. La vigilanza nelle “notte dei valori” contro la catastrofe annunciata da leggerezza e oblio.

 

Speranza di Pace e pessimismo. L’esperienza di Dossetti in Giordania durante la prima Guerra del Golfo. Le radici della Pace nell’interiorità dell’uomo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...