I crocefissi, uscendo …

dal profilo facebook di Michele Cerasa.

Proponiamo un testo poetico molto bello di Sergio Guttilla molto apprezzato e condiviso su internet in questi giorni.

I crocifissi,
uscendo dalle classi,
presero per mano uomini, donne e bambini
schiodando mani e piedi
dalla scuola dell’indifferenza.

E i crocifissi,
uscendo dai tribunali,
corsero nelle strade e nei porti
condannando a morte,
attraverso mille fori di costati aperti,
la legge che genera sofferenza
l’ignoranza che genera la guerra
le false parole che compiono ingiustizia.

E i crocifissi
scesero dalle bandiere
bruciandole tutte
nel fuoco di ogni inferno di divisione.
Non vollero più restare
affissi e immobili
come feticci di Parola spenta.

E i crocifissi
camminarono a lungo
tra gente sgomenta, per tutto il Paese
purificando fedi
distruggendo bugie
appese come croci di plastica
commerciate in serie.

E i crocifissi più grandi
uscendo dalle chiese
implorarono ancora perdono
per coloro che non sanno quello che fanno
per i preti che non fanno quello che devono
per i governi che non devono quello che rubano.

E poi i crocifissi,
scendendo dai muri,
picchiarono i mercanti di parole
e con una frusta
li cacciarono
dal tempio del sacrificio umano.

E quando l’ultima croce se ne andò via
e ogni muro fu vuoto,
la gente volse lo sguardo oltre di essi
girò la testa altrove
per venerare l’unico Crocifisso:
quello piantato negli occhi
di ogni uomo che soffre.

Sergio Guttilla
26/07/2018

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...