Intervista di Tudor Petcu a Vladimir Moss sulla personalità di San Glicherie di Slatioara e dell’Inghilterra ortodossa

Pubblichiamo l’intervista fatta da Tudor Petcu a Vladimir Moss, inglese convertito all’Ortodossia autore di molti libri e articoli sulla storia della monarchia britannica e anche sull’Ortodossia russa. Il suo libro più importante è La caduta dell’Inghilterra ortodossa.

Vladimir Moss è nato Anthony Moss a Londra il 4 aprile 1949 nella famiglia di un diplomatico britannico. Come spesso accade ai figli di diplomatici Moss ha trascorso gli anni della formazione in giro per il mondo. Nel 1952, quando suo padre assunse un posto diplomatico a Belgrado, andò a una scuola elementare serba, Nel 1955, quando suo padre si trasferì negli Stati Uniti, in una scuola americana. Ritornato in Inghilterra nel 1958, entrò nella scuola di preparazione a Twyford, vicino a Winchester. Nel 1962 entrò nella scuola di Charterhouse, Godalming con una borsa di studio junior, specializzata in lingue classiche e storia antica. Nel 1967 è all’Università di Oxford con una borsa di studio classica e si laureò nel 1970 con una laurea in Filosofia e Psicologia.

Nell’estate del 1970 trascorse sei settimane viaggiando e studiando il russo in Unione Sovietica. Dopo aver insegnato l’inglese per sei mesi in una scuola di lingue a Bratislava, in Slovacchia, nel 1971 ha iniziato a studiare M.Sc. corso di psicologia clinica presso l’Università di Newcastle-upon-Tyne. Abbandonando il corso nel maggio 1972, iniziò un dottorato di ricerca. in psicologia alla Surrey University, a Guildford sotto la supervisione del dott. Don Bannister, conseguendo la laurea nel 1978 per la sua tesi, The Dramaturgical Deep Structure of Personality. Sempre nel 1978 ha conseguito il diploma per l’insegnamento dell’inglese come lingua straniera presso il Trinity College di Londra. Nel 1974 due dei suoi articoli furono pubblicati su The British Journal of Medical Psychology.

Il 15 febbraio 1974 è entrato a far parte del Patriarcato di Mosca a Londra ed è stato nominato lettore il 21 novembre per la parrocchia ortodossa inglese a Guildford, nel Surrey. Nel 1975 si unì alla Russian Church Abroad e il 18 aprile 1976 fu battezzato a Londra. Nel 1979 è stato pubblicato il suo primo libro, The Imperishable Word. Dal 1978 al 1981 è stato impiegato come insegnante di inglese presso la scuola di inglese Harven a Woking, nel Surrey.

Nel 1982 si è sposato con Olga Mount. Dal 1982 al 1984 è stato disoccupato e ha usato il tempo per scrivere una storia della Chiesa anglosassone. Dal 1984 al 1985 ha lavorato come insegnante di inglese a Salonicco, in Grecia. Dal 1986 al 1987 ha studiato russo all’Università di Surrey a Guildford, ricevendo un diploma. Dal 1987 al 1989 è stato ricercatore presso i Dipartimenti di Psicologia e Studi Linguistici e Internazionali dell’Università del Surrey, progettando e realizzando esperimenti per testare la teoria psicolinguistica dei colori di base. I risultati sono stati pubblicati su The International Journal of Psychology, Quinquereme, Lingua e Linguistics. Nel 1989, mentre continuava ad essere assunto come ricercatore part-time per l’Università del Surrey, ha assunto un posto come traduttore nella casa editrice Raduga a Mosca. Ritornato in Inghilterra nel novembre 1991, intraprese un lavoro di traduzione russo-inglese per diverse compagnie inglesi e olandesi.

Nel 1992 è stato incaricato dalla Fondazione ortodossa di San Michele, a Guildford, di scrivere una storia del movimento greco antico calendarista. Dal 1993 al 1994 è stato docente di Psicologia e Religione presso l’Università di San Clemente di Ocrida a Sofia, in Bulgaria. Allo stesso tempo ha insegnato inglese nella New University e in una scuola privata. Tornato in Inghilterra, ha insegnato inglese alla scuola multilingue, Guildford (fino al 2000), e ha iniziato un’attività di bed-and-breakfast. Ora è completamente impiegato nella stesura di libri sulla storia della Chiesa ortodossa russa e sopratutto sull’eredità ortodossa dell’Inghilterra.

Prima di tutto, le chiederei di dirmi quando ha incontrato l’Ortodossia e cosa le ha fatto convertire al cristianesimo ortodosso?

Sono sempre stato attratto dalla Russia per qualche motivo sconosciuto. Sono andato in Russia per la prima volta nel 1970 ed mi sono molto commosso ad un pannikhida (preghiera per i defunti) nella chiesa dove l’icona “Reigning” della Madre di Dio apparve nel marzo del 1917. Poi, nel 1973, incontrai la mia futura moglie Olga. La sua fede ardente mi portò finalmente all’Ortodossia.

Quando ha incontrato di persona San Glicherie di Slatioara e cosa ha significato questo incontro con lui per la sua personalità spirituale?

L’ho incontrato nel dicembre del 1978 o nel 79. Sono rimasto molto colpito dalla sua umiltà.

Anche se non sa molto di San Glicherie di Slatioara, come lo descriverebbe in alcune parole e quanto è importante per l’Ortodossia nella sua opinione?

Quasi da solo ha tenuto in vita l’Ortodossia quando la chiesa ufficiale è caduta nello scisma del nuovo calendario. È molto importante per tutti noi. È il Massimo il Confessore del XX secolo.

Potrebbe dire che il suo incontro con San Glicherie di Slatioara è stato uno dei più importanti della sua vita?

Sì. Non capita tutti i giorni di incontrare un santo!

Dato che Lei è un inglese convertito all’Ortodossia, come potrebbe l’Inghilterra diventare di nuovo ortodossa? Sto facendo questa domanda, pensando al suo libro, La caduta dell’Inghilterra ortodossa.

Quando la vera ortodossia sarà rianimata in Russia – cosa che accadrà certamente – allora sarà una possibilità per coloro che sono in Occidente di ritornare alla vera fede di Cristo, la fede originale dell’Inghilterra e dell’Occidente.

Ci sono molti libri e articoli scritti da Lei sulla storia della monarchia, specialmente su quella britannica, che presentano in modo rilevante anche la storia dimenticata. Secondo quanto ho menzionato sopra, la mia domanda sarebbe la seguente: perché il re Edoardo il Confessore è importante per la monarchia britannica (tenendo conto delle sue conquiste) e qual’è il significato della sua personalità per la Chiesa Ortodossa?

Il re Edoardo il Confessore è importante perché era l’ultimo esempio di immagine compiuta di monarchia ortodossa che gli inglesi abbiano nella loro storia. Egli ha mostrato che è possibile essere un re e un santo contemporaneamente, tanto che il suo corpo è tuttora sepolto nell’abbazia di Westminster.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...