I testimoni di Geova in Irlanda

Il dott. Tudor Petcu ci invia un altro articolo da lui ricevuto e tradotto stavolta sui Testimoni di Geova in Irlanda. Il testo, redatto originariamente in inglese e tradotto in italiano da Tudor Petcu, fa parte del materiale per una pubblicazione che egli sta curando in riferimento alla storia dei Testimoni di Geova nel mondo che sarà pubblicato prossimamente. Questo libro sarà il primo lavoro accademico che narra le sofferenze dei Testimoni di Geova nei diversi paesi del mondo in un modo obiettivo, essendo basato completamente su una ricerca scientifica.

Sezione 1 – Pietre miliari storiche

Nel 1891, Charles T. Russell iniziò una serie di visite in Irlanda. Russell, il primo presidente dell’entità legale dei Testimoni di Geova, la Watch Tower Bible and Tract Society, tenne conferenze su argomenti biblici, raggiungendo persone di diversa estrazione religiosa in tutto il paese. Al tempo delle sue visite, i Testimoni di Geova erano conosciuti semplicemente come “Studenti Biblici”.

L’attività religiosa degli Studenti Biblici in Irlanda risaliva almeno alla fine del 1890. Nel 1931 il gruppo adottò il nome di “Testimoni di Geova”. Una convenzione internazionale del 1965 dei Testimoni di Geova tenutasi a Dublino fece molto per dissipare molte idee sbagliate e false dichiarazioni sui Testimoni di Geova in tutto il paese.

Il lavoro dei Testimoni fu originariamente coordinato dalla filiale della Watch Tower Society in Gran Bretagna, ma nel 1957 la Watch Tower Society istituì una filiale separata nella Repubblica d’Irlanda. Il lavoro di quella filiale si espanse fino a includere l’Irlanda del Nord nel 1966.

Una riorganizzazione globale del 2011 delle attività dei Testimoni di Geova portò alla chiusura della filiale dell’Irlanda e alla filiale britannica fu nuovamente affidata la responsabilità di occuparsi di queste attività in Gran Bretagna , Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda.


Sezione 2 – Motivi della sofferenza

(a) Opposizione religiosa e persecuzione.

Avendo governato l’Irlanda per secoli, la Gran Bretagna si sottomise a proteste diffuse contro il suo controllo e separò l’isola nel 1922: mantenne il controllo della sezione nord-orientale mentre il resto dell’Irlanda emergeva come repubblica indipendente. Dopo la spartizione, la maggior parte dell’ostilità contro i Testimoni di Geova è scoppiata nella repubblica di recente formazione, lo Stato libero d’Irlanda. Lì la Chiesa cattolica romana rappresentò l’influenza dominante nel pensiero e nel comportamento della maggior parte delle persone, comprese le persone al governo, le forze dell’ordine e la magistratura. Quando questa parte dell’isola divenne la Repubblica d’Irlanda nel 1937, la sua nuova costituzione includeva una garanzia di libertà religiosa per tutti i suoi cittadini. Nonostante questa garanzia, vi fu una diffusa opposizione e persecuzione dei testimoni di Geova, principalmente per mano dei membri e del clero della Chiesa cattolica romana.
È diventato un luogo comune per i sacerdoti cattolici incitare all’opposizione contro i Testimoni di Geova, tale opposizione a volte aumentando al punto di attaccare i Testimoni di Geova presenti nella loro località e bruciare la loro “letteratura malvagia”.

I commenti dell’Annuario dei Testimoni di Geova del 1988 illustrano questa persecuzione:

1935: “I fratelli sono stati messi a rischio, alcuni feriti fisici e la letteratura che avrebbe aiutato la gente è stata distrutta”.

1937: “L’Irlanda è la parte più oscura delle Isole britanniche … I sacerdoti … seguono i pionieri [predicatori a tempo pieno] da un posto all’altro, trovano dove è stata lasciata la letteratura … e ne causano immediatamente la distruzione.”

1938: “Molta opposizione agli editori del messaggio del Regno. I mafiosi hanno aggredito i testimoni di Geova su istanza di un prete cattolico romano. . . L’opposizione non ha ancora raggiunto l’apice. ”

All’inizio degli anni ’30, uomini armati a Roscrea, nella contea di Tipperary, costrinsero due testimoni di Geova a consegnare tutta la letteratura che stavano trasportando e ordinarono loro di lasciare l’area. Quando i Testimoni tornarono al loro alloggio per raccogliere i loro averi, scoprirono che gli oppositori religiosi avevano confiscato tutta la letteratura conservata lì, l’avevano inzuppato di benzina e l’avevano dato alle fiamme. Poliziotti, preti e bambini locali stavano in piedi attorno a un falò di tutta la letteratura che avevano sequestrato, cantando l’inno cattolico, “Fede dei nostri padri”.

Un’arma usata dal clero cattolico romano per diffamare e incitare alla violenza contro i Testimoni di Geova era etichettarli “diavoli comunisti”, ironici considerando la persecuzione che i Testimoni di Geova hanno continuamente affrontato dai regimi comunisti. Un Testimone che fu vittima di tale propaganda spiegò perché i sacerdoti descrissero i Testimoni in questo modo. “Per i cattolici dell’epoca, il termine” comunista “significava che eravamo la cosa più vicina al diavolo in forma umana che potesse apparire sulla scena”.

Nel 1948 una folla di donne cattoliche nella città di Cork circondò una testimone di Geova, la accusò di essere una comunista e lo attaccò violentemente. Un poliziotto intervenne e disperse la folla. La Watch Tower Society ha intrapreso un’azione legale contro gli assalitori. Il poliziotto che era intervenuto, anche lui cattolico romano, era disposto a testimoniare onestamente ciò a cui aveva assistito. Diversi aggressori sono stati giudicati colpevoli di aggressione. La pubblicità risultante ha contribuito a dissipare la falsa accusa secondo cui i Testimoni di Geova sono comunisti e a stabilire il diritto costituzionale dei Testimoni di diffondere le loro credenze religiose.

Ma il verdetto favorevole in quel caso non significò la fine di tutti questi attacchi violenti. Questi continuarono per decenni. Ad esempio, nel 1956 una folla guidata da un prete attaccò due Testimoni di Geova e bruciò tutta la loro letteratura a Cloonlara, vicino a Limerick. Un giornale della zona avvertì i suoi lettori di non ascoltare i Testimoni. “La Chiesa desidera così fortemente che evitiamo le cattive dottrine di [Testimoni di Geova] che qualsiasi cattolico che legge pubblicazioni della Società [Torre di Guardia] si lascia aperto alla scomunica”.

Commentando la forte presa che la chiesa cattolica romana esercitava sui suoi membri – compresi alcuni in magistratura – durante quell’epoca, l’autore David J. Butler scrive che il caso Cloonlara “illustra il potere ancora esercitato dalla Chiesa cattolica romana pre-Vaticano II sull’Irlanda rurale, dove l’Irlanda era vista come la custode della fede cattolica romana. “Un rapporto del tempo riporta che” quando il vescovo di Killaloe assistette personalmente all’udienza, l’affollata aula si alzò in piedi quando entrò Sua Signoria.

Il prete che guidava la folla e nove dei suoi parrocchiani furono accusati di distruzione di libri, Bibbie e altra letteratura e di aggressione. Ma alla fine, tutte le accuse contro il sacerdote e gli altri nove furono respinte. Al contrario, le autorità hanno trattenuto le vittime dell’attacco di massa per mantenere la pace. La giustizia dichiarò i due uomini che erano stati attaccati “colpevoli di blasfemia nella comprensione cattolica romana della parola”. Questo giudizio, dice Butler, era un sintomo di “una secolare equiparazione del cattolicesimo romano con l’irlandese”. In altre parole essere irlandese significa essere cattolici.

Un attacco simile con un risultato simile si verificò a Wexford nel 1960. Anche in questa data relativamente tardiva, la giustizia distrettuale presiedente mostrò pregiudizi profondamente radicati contro i Testimoni di Geova. Anche lui ha esonerato i sacerdoti coinvolti nell’attacco e ha castigato le vittime. Ha dichiarato: “Sono costretto alla conclusione … che queste persone [Testimoni di Geova] … sono impegnate in quello che mi sembra un tentativo miope e previdente di proselitizzare la gente di questo paese”. Ha poi aggiunto: “Mi sento fortemente che queste persone hanno scatenato un attacco alla fede tradizionale della gente di Wexford, un attacco che ha fallito, fallirà e dovrà fallire ”.

Nel 1957 uno dei Testimoni di Geova fu portato in tribunale a Dublino da sua moglie. Si era arrabbiata perché suo marito aveva cambiato la sua religione, diventando uno dei Testimoni di Geova, e voleva insegnare ai suoi figli ciò che aveva imparato dalla Bibbia. Spiega suo figlio: “Il parroco locale, mia madre e tutti i suoi parenti e tutti i parenti di mio padre si sono uniti contro mio padre in questa azione giudiziaria. Il giudice si schierò dalla loro parte e vietò a mio padre di insegnare ai suoi figli la sua nuova fede. Il tribunale ha avvertito mio padre che se avesse ignorato questa sentenza sarebbe stato disprezzato e avrebbe potuto essere mandato in prigione”.

Oggi tali pregiudizi e persecuzioni sono principalmente cose del passato. Butler dice così: “Il passato è davvero un altro paese, i cui paesaggi guardiamo quasi senza riconoscimento”.

(b) Minacce e persecuzioni perché politicamente neutrali.

I Testimoni di Geova non hanno prove di “vari regimi” nel senso di “sistemi di governo” che li rendono obiettivi di persecuzione né nello Stato libero / Repubblica d’Irlanda o nell’Irlanda del Nord. Ma nell’Irlanda del Nord hanno subito persecuzioni a causa della loro neutralità politica. Ciò era particolarmente vero nei primi giorni di quello che è diventato noto come “The Troubles“, il periodo di conflitto nell’Irlanda del Nord che va dalla fine degli anni ’60 alla fine degli anni ’90.

Quando l’Irlanda fu divisa nel 1922, la sezione nord-orientale, l’Irlanda del Nord, rimase parte del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. All’epoca questa parte dell’Irlanda era profondamente divisa dal punto di vista religioso e politico. C’era una maggioranza protestante dominante e una minoranza cattolica. Fu soprattutto nelle aree protestanti che la neutralità politica dei Testimoni di Geova divenne un problema.

Durante i troubles, le comunità locali hanno creato barriere difensive per proteggersi da potenziali attacchi della parte avversaria, specialmente dove le aree cattoliche e protestanti erano vicine tra loro. Poiché i Testimoni di Geova desideravano rimanere rigorosamente neutrali nelle questioni politiche, hanno rifiutato di schierarsi nei conflitti sorti tra le comunità.
Talvolta i gruppi locali di vigilanza hanno richiesto a tutti i membri della propria comunità di schierarsi dalla parte dei conflitti e di partecipare alla difesa della propria area. Alcuni gruppi di vigilanti sono diventati sempre più impazienti con la posizione neutrale dei Testimoni. In un’occasione, uno dei Testimoni di Geova che vivevano in un’area protestante si rifiutò di soddisfare le richieste del gruppo locale. I vigilantes hanno avvertito che se la sua casa avesse preso fuoco a seguito di un attacco incendiario terroristico nessuno di loro sarebbe venuto ad aiutarlo. Ha ancora rifiutato di essere coinvolto. Ma disse che se una delle case dei suoi vicini fosse stata data alle fiamme avrebbe immediatamente dato tutti gli aiuti che poteva.

Col passare del tempo, sempre più persone – da entrambe le parti di quella che era una divisione politico-religiosa ultra-nazionalista – arrivarono a rispettare la neutralità dei Testimoni di Geova. Alla fine i testimoni furono in grado di muoversi liberamente e in sicurezza dentro e fuori dalle aree cattoliche dove precedentemente, poiché erano stati erroneamente identificati come protestanti, erano stati automaticamente considerati nemici di coloro che vivevano lì.

Sezione 3 – Letteratura

  • “Un compito molto difficile:” Mappare l’emergenza dei testimoni di Geova in Irlanda, di David J. Butler, articolo pubblicato su The Changing World Religion Map, ed. Stanley D. Brunn, (New York, Springer), capitolo 85, pagg. 1615-1622.
  • Annuario dei testimoni di Geova del 1988 (© 1987 di Watch Tower Bible & Tract Society of Pennsylvania)
  • La Torre di Guardia, 1 settembre 1974, “Vivere in mezzo alle turbolenze in Irlanda”, sezione intitolata “Vigilantes”, pagg. 519, 520.
  • A Taste of Theocratic History in Ireland, DVD, (© Watchtower Bible & Tract Society of Britain, 2012).

Sezione 4 – Principali persone storiche

Nessuno si distingue attualmente come una “persona storica chiave” quando si tratta della persecuzione dei testimoni di Geova. Nella Repubblica d’Irlanda la maggior parte delle persecuzioni ha preso la forma di opposizione religiosa, propaganda e maltrattamenti da parte di fanatici religiosi fuorviati. Tale persecuzione è passata da tempo e la maggior parte delle persone direttamente coinvolte sono morte. La loro testimonianza è disponibile in varie pubblicazioni dei Testimoni di Geova, incluso l’Annuario dei Testimoni di Geova del 1988. Col passare del tempo nell’Irlanda del Nord, i Testimoni di Geova furono, in effetti, lodati per la loro neutralità.

Sezione 5 – Messaggio principale

(a) Principali testimonianze e messaggi spirituali

Il principale messaggio dei Testimoni di Geova per la società irlandese contemporanea è lo stesso messaggio che diffondono per il mondo intero: la buona notizia che il Regno celeste di Dio finirà presto ogni malvagità e trasformerà la terra in un paradiso. Per trarne beneficio, si dovrebbe coltivare la fede in Gesù Cristo che è morto affinché l’umanità potesse guadagnare la vita eterna e che ora governa come il Regno celeste del Re di Dio.

(b) Come dovremmo leggere la Bibbia e comprendere il Regno di Geova?

Si accetterebbe bene la Bibbia come Parola ispirata da Dio, lasciando che i suoi precetti e i suoi principi lo guidino in tutto ciò che fa. (2 Timoteo 3:15, 16) I suoi valori spirituali arricchiscono le vite individuali e questo a sua volta avvantaggia tutta la società. La saggezza di Dio contenuta nella Bibbia fornisce la guida più pratica che si possa sperare di avere.

Il Regno di Dio è l’espressione della sovranità universale di Dio verso le sue creature, o il mezzo da lui usato per esprimere quella sovranità. Questo termine è usato in particolare per designare la manifestazione della sovranità di Dio attraverso il governo reale guidato da suo Figlio, Gesù Cristo. Il termine “Regno” può riferirsi al dominio di chi è stato unto come Re o al regno terreno governato da quel governo celeste. Il regno di Dio è un vero governo. —Isaiah 9: 6, 7; Daniele 2:44; 7:13, 14.

Sezione 6 – Visione biblica della sofferenza

Le Sacre Scritture indicano che il Regno celeste di Dio metterà fine a tutta la malvagità e trasformerà la terra in un paradiso nel momento stabilito. Finché ciò non accadrà, i Testimoni di Geova vedono la sofferenza come una conseguenza inevitabile della persecuzione che Gesù Cristo disse che i suoi seguaci avrebbero sperimentato. Gesù avvertì: “Se mi hanno perseguitato, perseguiteranno anche te”. (Giovanni 15:20) In seguito l’apostolo Paolo scrisse che “anche tutti coloro che desiderano vivere con devozione divina in associazione con Cristo Gesù saranno perseguitati.” – 2 Timoteo 3:12.

I Testimoni di Geova accettano questa realtà. Pensano che dovrebbero aspettare pazientemente fino a quando è il momento stabilito da Dio di agire. (Michea 7: 7) Nel frattempo, vedono ogni sofferenza che provano come “momentanea e leggera” rispetto alla ricompensa che riceveranno per il mantenimento della loro integrità con Geova. (2 Corinti 4:17, 18) Lo fanno con piena fiducia che Geova darà loro il sostegno e la forza di cui hanno bisogno per affrontare qualsiasi sofferenza che devono sopportare adesso. – 2 Corinti 4: 8-16.

Traduzione in italiano a cura di Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...