La personalità filosofica di Mihai Eminescu

Mihai Eminescu ha avuto un ruolo decisivo e persino decisivo nell’evoluzione della cultura rumena, soprattutto se consideriamo il fatto che non ha scritto per la gloria quotidiana specifica del tempo in cui ha vissuto, ma per la gloria dello Spirito nell’eternità. Come la maggior parte di coloro che volevano e erano in grado di compiere lotte esorcizzanti per raggiungere la dimensione poetica e catapatica della cultura rumena e delle sue basi, ha scelto di cantare quella sinfonia della sofferenza per la gioia, così caratteristica del nostro background di identità. E quando lo diciamo, comprendiamo il destino del nostro paese come popolo, la nostra evoluzione storica, che, in un certo senso, ha permesso alla sofferenza e al sacrificio di diventare le virtù fondamentali dei rumeni, che erano così ben utilizzati in molti dalle opere letterarie nello spazio rumeno.

La domanda fondamentale del nostro lavoro sarà molto semplice, ma ancora così difficile: chi era davvero Mihai Eminescu e perché arriviamo a capirlo ogni volta sotto una nuova luce? Inoltre, l’obiettivo di questo studio sarà quello di rivelare l’identità filosofica di Mihai Eminescu, come spesso ignorato negli ambienti accademici rumeni.

La maggior parte di noi sa che Mihai Eminescu è il più grande poeta della storia del nostro paese, poiché sappiamo anche che ha dovuto affrontare una serie di tensioni e ingiustizie sociali, essendo un artigiano della venerazione della giustizia e un moralità ortodossa. Inoltre, non ignoriamo i suoi rapporti con la monarchia, e in particolare il rispetto e l’ammirazione che Regina Elisabeta (con lo pseudonimo di Carmen Sylva) ha dato a Mihai Eminescu, un argomento su cui ha scritto parecchio in diverse pubblicazioni specializzate.

Ma riteniamo che alla domanda chi fosse effettivamente Mihai Eminescu? possiamo rispondere, ovviamente nel presente lavoro, ad alcune analisi speculative sulla personalità filosofica di Mihai Eminescu, che è più che evidente se consideriamo anche le basi occidentali e orientali che ha abbracciato al fine di stabilire il suo background filosofico.

Molti di noi tendono a dimenticare che Mihai Eminescu era fondamentalmente un filosofo professionista. Una simile affermazione è giustificabile fintanto che ricordiamo che Eminescu studiò filosofia per cinque anni a Vienna (1869-1872) e Berlino (1872-1874). Non dimentichiamo che ha avuto l’opportunità di ascoltare i corsi di filosofi famosi come Zimmerman, Zeller, Bonitz e molti altri, che era essenziale per definire le prospettive filosofiche eminesciane.

La vocazione filosofica di Mihai Eminescu fu così sorprendente che attirò anche l’attenzione di Emil Cioran, che di solito si rifiutava di appoggiarsi troppo alle preoccupazioni filosofiche rumene, essendo un inseguibile inseguitore degli approcci occidentali.

Per comprendere meglio Mihai Eminescu e in modo più concreto, nella sua profondità filosofica, potremmo riferirci al seguente approccio alla filosofia di Eminescu: La filosofia è l’istituzione dell’essere del mondo in nozioni, per il quale il giudizio non è usato da un’altra autorità. piuttosto che possedere, qualsiasi captatio benevolentiae viene rimossa da questo.

Questa prospettiva filosofica evidenzia davvero il ruolo privilegiato che Eminescu attribuisce alla filosofia, quello della regina della cultura e delle scienze. In effetti, la stessa poesia eminiana è definita da una serie di sfumature filosofiche, alcune più nascoste, altre più chiare, e in questo senso, nel poema Glossa si trova una prova concreta da cui attiriamo l’attenzione della seconda strofa

che metti da parte / Trovare te stesso / Quando con rumori rumorosi / Col passare del tempo, il tempo arriva – mostrando il passaggio irreversibile del tempo, la superficialità della mondanità che lo contraddistingue e che può essere un ostacolo nel modo in cui l’uomo identifica e separa la verità dalla falsità –

la terza strofa

Nessuna inclinazione della sua lingua / Il resto del pensiero / Per il momento che cambia / Per la maschera della felicità – che affronta alcune questioni filosofiche referenziali, insistendo sull’effimero del tempo ma anche sulla felicità come stato e nozione sfocato –

e la quarta strofa

Guardando il teatro / Tu nel mondo da immaginare / Gioca uno e quattro / Comunque indovinerai il viso –

insistendo come se fosse sulla risposta la capacità dell’uomo di superare le apparenze ingannevoli della realtà per identificare il bene e il male e altre coordinate principali dell’esistenza umana.

Quindi, seguendo questi pochi versi del noto poema Glossa, abbiamo a che fare con un’inclinazione filosofica intesa a catturare un’ermeneutica della realtà in cui l’uomo come tale ha un vero percorso iniziatico per riprendersi da un punto di vista spirituale. , approcci che Eminescu fa anche in altre poesie fondamentali nei suoi testi.

Per quanto riguarda la personalità filosofica di Mihai Eminescu, non dovremmo omettere quella lettera a Titu Maiorescu, in cui rivela alcune delle esperienze e delle controversie filosofiche di cui queste poche righe consideriamo le più rappresentative:

Kant è caduto su di me anche relativamente tardi, Schopenhauer. Giusto, sono familiare, ma l’intuitiva rinascita del loro pensiero nella mia mente, con l’odore specifico della terra fresca della mia anima, non è ancora stata completata. A Vienna, ero sotto l’influenza negativa di Herbart, che per sua natura ti esonera dallo studio di Kant. In questa elaborazione delle nozioni, il mio intelletto è stato elaborato come una nozione erboristica fino a quando non è stato fracassato. Ma quando, dopo mesi di torcere e girare, Zimmerman era giunto alla conclusione che c’era davvero un’anima, ma che si trattava di un atomo, ho gettato indignato il mio granello di inferno, e non l’ho fatto più tardi alle lezioni.

Poiché nella sua lettera a Titu Maiorescu è stato fatto riferimento alla filosofia di Kant, vale la pena ricordare che la richiesta di Mihai Eminescu di tradurre una parte significativa della critica della pura ragione, il tema con cui il filosofo tedesco sta diventando sempre più popolare. più familiare. Quindi parliamo di una sorta di rinascita intuitiva della filosofia kantiana nel pensiero di Mihai Eminescu, e in uno dei suoi appunti troviamo la seguente dichiarazione:

Ogni pensiero generoso, ogni grande scoperta procede dal cuore e fa appello al cuore. È strano quando una volta qualcuno è entrato in Kant, quando ha una visione così ristretta di questo mondo e delle sue volontà effimere, la mente non è altro che una finestra attraverso la quale il sole di un nuovo mondo entra ed entra nel cuore … Il tempo è passato e l’eternità con il suo viso serio riguarda tutto. Sembra che ti sia svegliato in un mondo racchiuso in tutta la sua bellezza e come quel passaggio e la nascita, come la tua stessa vita e felicità siano solo un’opinione ….

Tali parole, come spiega l’accademico Alexandru Surdu in molti modi dai suoi studi, siamo portati a credere che Mihai Eminescu sia riuscito a catturare e portare alla luce una sorta di eterno eterno.

Né la relazione del pensiero eminesco con la filosofia indiana deve essere trascurata, come fu riportato per la prima volta nel 1889 dal giornalista craioviano Gheorghe Pencioiu, che notò la fonte dell’immagine cosmogonica della lettera I in una traduzione tedesca del Rigveda. Successivamente, molti altri esegeti rumeni e stranieri tentarono di scoprire le fonti indiane della poesia e dei testi eminesciani, il che portò alla seguente cosa: circa 20 opere eminesciane scritte tra il 1870 e il 1871 furono poste sotto l’influenza dell’influenza indiana. Sebbene ci sia molto da dire su questo argomento, prestiamo attenzione al confronto della Lettera I con le immagini dell’inizio e della fine del mondo che troviamo nelle Leggi di Manu. Questo confronto rivela alcuni punti di partenza e identifica alcuni punti di partenza, in particolare alcune ragioni indeterminate in questa poesia. Tra questi – come mostra Amita Bhose – possiamo menzionare la ragione del movimento del punto (improvvisamente un punto si muove, ecc.) Che appare esplicitamente nel libro sopra menzionato. La stessa eminscologa Amita Bhose ci mostra che alcuni testi di Luceafărul, “migliaia di anni sono passati in così tanti momenti” o “fuori dal caos, Dio, sono apparso / E sarei tornato nel caos … / E dal resto sono nato , / Ho sete di riposo “, è strettamente legato alle idee che appaiono in questo testo. Sulla base di queste somiglianze si può vedere che Eminescu conosceva anche le Leggi di Manu, dalla traduzione tedesca di J.Chr. Huttner (1797).

Pertanto, la personalità filosofica di Mihai Eminescu è estremamente ricca, infatti ci mostra la sua universalità, la sua apertura a certi angoli filosofici, mistici e razionalisti meno noti. Attraverso tale apertura, Eminescu ha dimostrato che un pensiero veramente libero e filosofico è uno che può stabilire ponti tra culture antipodee a prima vista, ma complementare attraverso il saluto che portano all’Universo. Ultimo ma non meno importante, quello che chiamiamo il nostro poeta nazionale è riuscito a dimostrare che il puro atto filosofico si realizza solo quando impariamo a essere indipendenti dai pregiudizi e orientati verso un’assiologia della vita interiore che contribuisce all’estetizzazione del mondo in cui viviamo. E infine, potremmo porre la filosofia di Mihai Eminescu al seguente livello: quello stato di coscienza che conduce alla realtà, passando da visibile a invisibile e da invisibile a visibile.

Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...