Sulla saggezza nell’era del Coronavirus o sulla nuova umanità

L’inizio del 2020 ha portato una sorpresa completamente inaspettata per l’umanità, in particolare la diffusione del nuovo Coronavirus Covid 19, che inizialmente ha colpito la maggior parte della popolazione cinese. A quel tempo, quasi tutti avrebbero detto che l’attuale virus è una sofferenza della Cina, ma questa sofferenza è diventata globale, o in altre parole collettiva.

Vari paesi europei, così come gli Stati Uniti, hanno introdotto misure di protezione che sembrano aver inimicato alcune libertà costituzionali, che sono state difficili da vincere nel corso dei secoli. Tuttavia, stiamo parlando di misure che mettono l’umanità di fronte a un nuovo specchio per vedere la sua faccia ferita dai suoi stessi peccati derivati ​​dallo straripamento della sua civiltà.

Molti di noi credono di avere a che fare con un virus che è fuggito intenzionalmente o no da un laboratorio di WuHan che ha preso il controllo di un intero pianeta, ma non ci rendiamo conto o rifiutiamo di capire che oltre al virus ci sono altre possibilità intendeva integrarci in una nuova era di coscienza e rivalutare il nostro Essere sulla Terra.

Soffriamo di dover indossare maschere e mantenere le distanze sociali, ma quante maschere abbiamo incontrato finora nella realtà rispetto ai volti reali? Quante volte ci nascondiamo sotto diverse maschere metafisiche, cioè pieghe seducenti per presentarci in una luce completamente diversa da quella che ci caratterizza veramente?

In termini di distanza sociale, quanto siamo stati in grado di rispettare e apprezzare la convivenza per essere degni dello stato delle entità sociali razionali? Quante volte come società abbiamo dimostrato che la tua libertà finisce dove inizia lo spazio della mia libertà, come diceva John Stuart Mill?

Certo, molte altre domande potrebbero essere poste, ma penso che sia giunto il momento per ognuno di noi di rivalutare la nostra stessa umanità, di riottenere il possesso del nostro stesso Essere e di metterlo nella veste dell’onestà e della ragione.

Al di là del virus che tutti ora dobbiamo affrontare, dobbiamo anche affrontare il libero arbitrio dell’Universo che ci costringe a lasciare un presente personale di sicurezza per entrare in un presente come una situazione responsabile verso il nostro Sé e di alterità. In altre parole, dovremmo sbarazzarci delle usanze dell’aggressività e della lotta per il dominio assoluto, lasciare questo spazio devastato dai due dittatori apocalittici descritti da Vladimir Jankélévitch, “Non so cosa” e “Nient’altro” e raggiungere la riva lontana di saggezza affettiva.

Una volta che ci rendiamo conto che le controversie fratricide tra religioni e popoli non saranno mai in grado di condurre al progresso o che il rapporto di convivenza tra religione e scienza è imperativo, allora possiamo guardare con molta più fiducia al futuro, a una rinnovata coscienza. per cui la tecnologia non implica la robotizzazione dell’uomo, ma il suo approccio ai Misteri più profondi dell’Universo.

Tudor Petcu

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...